COVID-19, Roberto Savio

Roberto Savio dalla quarantena in Italia: la Fase 2 potrebbe trasformarsi in un boomerang

Mag 22 2020

di Daniela Figueroa Videla– articolo originale in spagnolo di Radio Usach

L’economista e giornalista italiano ha affermato che, ad eccezione del Portogallo, non vi è stata alcuna unità nazionale nei paesi europei e che la maggior parte degli stati del mondo non ha affrontato con unità questa nuova sfida.

Roberto Savio

All’inizio della fase 2 della quarantena in Italia, “Sin Tacos Ni Corbata” ha parlato con il noto economista e giornalista italiano Roberto Savio. Da Roma, l’esperto di comunicazione e analista politico, ha sottolineato che questa nuova misura è “il risultato di una negoziazione molto complicata e lunga, perché la verità è che da parte delle regioni, che in Italia hanno valore politico, c’è molta spinta per tornare a lavorare; milioni di persone sono state senza lavoro per 70 giorni, motivo per cui è scoppiata una crisi sociale molto grave “.

Savio ha aggiunto che “siamo tornati a lavorare con un virus in diminuzione ma attivo”, osservando che i medici all’unanimità sono molto preoccupati, perché solo il 15 giugno, dopo 2-3 settimane di incubazione, saranno in grado di analizzare la situazione. “Quindi ho la sensazione che con buona probabilità questo possa diventare un boomerang e che dovremo chiudere di nuovo.”

Per quanto riguarda il comportamento degli italiani di fronte alla recente riapertura di ristoranti e altri spazi pubblici, Roberto Savio ha affermato che oggi “c’è molta diffidenza nel prossimo, tutti possono essere portatori di un virus. Il tessuto sociale italiano si è rotto” e non sa quando si riprenderà.

Il noto attivista per la giustizia sociale e climatica ha anche riferito che si stima “che ci siano quasi 1 milione di bambini più poveri” rispetto a prima della pandemia. E sulla proposta di Macron e Merkel di creare un pacchetto comune di misure per l’Unione europea, ha affermato che è molto importante, perché il coronavirus ha colpito l’Italia in un modo molto più drammatico, per cui il turismo, attività economica vitale per il paese, è stato duramente compromesso: “si calcola che 1 su 3 hotel non riaprirà”.

Il co-fondatore dell’agenzia di stampa Inter Press Services (IPS), fondatore e presidente di Other News, ha affermato che “la politica italiana, come in quasi tutto il mondo, con alcune eccezioni di governi presieduti da donne come la Nuova Zelanda e Taiwan, non è stata in grado di affrontare questa nuova sfida “. “Qui (in Italia) l’opposizione e il governo continuano a litigare fino alla morte, non c’è alcun senso di unità nazionale, l’unico paese in Europa dove c’è stata unità è il Portogallo”.

La video intervista integrale nell’articolo originale 👉 QUI

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *