Ambiente e Clima, COVID-19, Diritti Umani, diritti civili, giustizia sociale, Politica Internazionale, Società Civile

Gli indigeni brasiliani rischiano lo sterminio e chiedono aiuto contro il Covid-19

Giu 15 2020

di Rosa GauditanoOTHERNEWS

La situazione è urgentissima, le popolazioni dello stato di Amazonas sono abbandonate in balia della pandemia, oltre ad essere minacciate dai cercatori d’oro e dal disboscamento delle multinazionali. Oltre alla negligenza dello stato brasiliano c’è un razzismo istituzionalizzato

Manaus 27.04.20 – Enterros coletivos no Cemitério Público Nossa Senhora Aparecida (.Foto: Alex Pazuello/Semcom)

Attualmente in Brasile ci sono 305 gruppi etnici con circa 900.000 indigeni che parlano 274 lingue diverse.

La pandemia di covid-19 ha raggiunto 97 popoli indigeni. Secondo la Articulação dos povos Índigenas, l’organismo che riunisce i popoli indigeni (APIB), l’11 giugno c’erano 5361 indigeni infetti e 281 morti

Il focolaio dell’epidemia si trova nello stato di Amazonas, dove 104 operatori sanitari indigeni dell’Amazzonia brasiliana sono stati trovati contaminati da covid19. Sono già morti 50 indiani Kokama dell’Alto Solimões e dopo la morte di un indiano Yanomami a Roraima, l’Associazione Hutukara Yanomami ha deciso di rifugiarsi nella giungla per fuggire dalla contaminazione. Le terre degli Yanomami sono invase da oltre 20.000 cercatori d’oro.

A Manaus il caos è totale. Il Distretto Sanitario Indigeno Speciale (DSEI) ha confermato che molti pazienti indigeni affetti da altre malattie sono stati contaminati nella Casa della Salute Indigena, negli ospedali statali e municipali e sono poi tornati nei loro villaggi.

Gli ospedali della città di Manaus erano già al massimo della loro capacità e ora la situazione è ancora più critica in Amazonas. L’unico ospedale con terapia intensiva di Amazonas si trova nella città di Tefé, a 522 km da Manaus.

Manaus 27.04.20 – Enterros coletivos no Cemitério Público Nossa Senhora Aparecida (.Foto: Alex Pazuello/Semcom)

La seconda regione del Brasile più colpita dalla covi19 è il Nord-Est, dove gli indigeni vivono nelle regioni più povere, e ad oggi conta 15 morti.

Come sta accadendo in tutto il Brasile, i numeri del covid-19 sono sottostimati. Sonia Guajajara, presidente dell’APIB, rivela che “i numeri comunicati dal movimento indigeno, se confrontati con quelli del Segretariato della salute indigena (Sesai) rivelano un’assurda discrepanza. Oltre alla negligenza dello Stato brasiliano, c’è un razzismo istituzionalizzato”.

Il Brasile ha 34 Distretti Sanitari Indigeni Speciali (DSEI), responsabili della cura dei villaggi indigeni, ma il 36% degli indigeni in Brasile vive in aree urbane e non è assistito dal DSEI ma dal Sistema Sanitario Unificato (SUS), in cui gli indigeni sono generalmente discriminati.

La Fondazione Nazionale Indiana (FUNAI) non sta facendo il suo lavoro come dovrebbe. L’agenzia è attualmente guidata dal delegato Marcelo Xavier, che ha lavorato come consulente dei grandi latifondisti (ruralistas) presso la Commissione parlamentare d’inchiesta (CPI) dell’INCRA (1) e del FUNAI (2).

La mancanza di un’azione nazionale per combattere la pandemia di coronavirus da parte del presidente Jair Bolsonaro ha colpito le popolazioni indigene in tutte le regioni dal nord al sud del Brasile, aggravando la già drammatica situazione. Nell’ultimo anno 150 terre in Amazzonia hanno subito invasioni di garimpeiros, boscaioli e minatori, incentivati dal governo federale. Bruciano le foreste, uccidono i leader e inoltre il governo federale sostiene i missionari evangelici per catechizzare gli indigeni ad ogni costo.

9 luglio 2016 – Veduta aerea delle aree di deforestazione nella foresta amazzonica brasiliana, vicino allo spartiacque del fiume Tapajos, causata dall’estrazione illegale di oro (a destra) e dall’allevamento di bestiame (a sinistra). Il governo brasiliano intende costruire molte dighe idroelettriche sul bacino del Tapajos, per favorire lo sfruttamento minerario e l’allevamento del bestiame in questa regione, con conseguenti gravi interferenze con l’intero ecosistema locale e la vita delle comunità che ci vivono. I Munduruku sono il principale gruppo indigeno che subirà questo piano, se andrà avanti. I Munduruku hanno il sostegno di Greenpeace nella loro lotta contro la costruzione. (Foto: Leonardo Wen)

Qualche giorno fa, il popolo brasiliano è rimasto perplesso davanti al video rilasciato dalla Corte Suprema Federale (STF) di un incontro del Presidente Bolsonaro con i suoi ministri a Brasilia dove il Ministro dell’Educazione Abrahan Weintraub ha detto di odiare i Popoli Indigeni e il Ministro dell’Ambiente Ricardo Sales ha parlato di approfittare della situazione della pandemia di coronavirus per approvare la deregolamentazione e le riforme di semplificazione che intendono cambiare le regole ambientali a favore dei più potenti.

A maggio il Tribunale federale (TFP) avrebbe dovuto votare il disegno di legge PL2633, che riguarda il “Lasso di Tempo – Marco Temporal” (3).

Fortunatamente, il giudice Edson Fachin ha rinviato il voto a causa della pandemia e anche per le proteste delle popolazioni indigene e delle organizzazioni per i diritti umani. L’Avvocato generale dell’Unione (AGU,) nel suo parere 001/2017, vi ha ravvisato incostituzionalità, affermando che legalizzerebbe le invasioni, legittimerebbe le espulsioni e nasconderebbe le violenze sugli indigeni avvenute prima della Costituzione federale del 1988. Se il disegno di legge verrà approvato contro gli indigeni, non solo il Brasile ma tutto il mondo ne sarà direttamente colpito.

Nonostante tutto questo, gli indigeni del Brasile non sono mai stati così organizzati. Questo mese l’APIB ha tenuto un’importante Assemblea nazionale online della resistenza indigena per affrontare questioni come le valutazioni regionali del covid-19 nei villaggi.

Abituati a lottare per i loro diritti da 520 anni, gli indigeni si riuniscono per trovare nuove strade e chiedono condizioni migliori per l’assistenza sanitaria, la difesa delle loro terre e dell’ambiente.

Foto di Rogerio Assis

Una imponente processione funebre di 3000 indigeni dell’Acampamento Terra Livre (Campo di terra libera) ha sfilato davanti al Congresso brasiliano. Si tratta di uno dei più grandi gruppi di mobilitazione degli indigeni in Brasile. Hanno consegnato 200 bare nere finte: “Sono i nostri parenti, assassinati da politiche pubbliche vecchio stile attuate da membri del Congresso che non rispettano la nostra Costituzione”, spiega Sônia Guajajara, leader indigeno. Le bare sono state collocate sull’acqua e sul prato di fronte all’ingresso del palazzo del Congresso brasiliano, insieme a uno striscione di 25 x 5 metri in portoghese con su scritto “Demarcação Já!” (Demarcation Now!). Solo pochi minuti dopo, la polizia ha risposto con gas lacrimogeni, disperdendo violentemente la pacifica protesta degli indigeni.

________________________

1) Instituto Nacional de Assentamento e Reforma Agrária.

2) Nel 2017, l’inchiesta parlamentare presieduta da Caucus degli agricoltori aveva lo scopo di perseguire per legge gli antropologi, i popoli indigeni, i funzionari Funai e Incra e i membri dell’esecutivo, nonché le ONG. L’idea era di porre fine al Funai, interrompere la riforma agraria e cambiare i criteri di delimitazione delle terre per le popolazioni indigene e le ex comunità di schiavi (quilombola).

3) Marco Temporal – “Limite de tempo”. L’idea del disegno di legge è stabilire che le rivendicazioni indigene delle terra debbano essere riconosciute dalla legge solo se gli indigeni occupano quel pezzo di terra sin dal 1988, anno in cui è stata sancita l’attuale Costituzione brasiliana.

____________________

Rosa Gauditano (email: studior@studiorimagens.com.br

Rosa Gauditano è una fotografa, giornalista e attivista. Ha documentato la situazione delle popolazioni indigene delle più diverse etnie e regioni del Brasile per oltre 30 anni. Rosa ha già fotografato le comunità indigene Karajá, Kayapó, Tucano, Waurá, Yanomami, Xavante, Guarani e Pankarau. Nel 2004, in collaborazione con gli indigeni Xavante, ha creato l’organizzazione non governativa Nossa Tribo, dedicata alla costruzione di un ponte tra città e villaggi indigeni. Ha insegnato fotografia alla Pontificia Università Cattolica di San Paolo e ha lavorato per il giornale Folha de S. Paulo e la rivista Veja. È autrice dei libri: Indiani. I primi abitanti, Radici del popolo Xavante, Feste di Fé, Guarani M’Byá nella città di San Paolo e Popoli indigeni in Brasile..

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *