COVID-19, Diritti Umani, diritti civili, giustizia sociale, Politica Internazionale, Società Civile

“Covid-19 e Black Lives Matters aprono la possibilità per l’Africa di cambiare i suoi rapporti con l’Occidente”

Lug 24 2020

di Alexandre Anfruns CTXT

Yash Tandon

In gioventù il Professore Yash Tandon è stato consigliere presidenziale del governo ugandese poco dopo la sua adesione all’indipendenza politica. Ha cercato di cambiare la struttura economica del paese, per raggiungere la sua autentica autonomia, ma un colpo di stato ha portato al sanguinoso regno del dittatore Idi Amin tra il 1971 e il 1979. Dopo una lunga carriera con i più poveri in paesi come lo Zimbabwe e la Tanzania, Tandon È stato fondatore e presidente dell’Istituto per la negoziazione e l’informazione sull’Africa meridionale e orientale (Seatini), un’organizzazione il cui obiettivo è aiutare i paesi africani a raggiungere migliori negoziati con le istituzioni neo-coloniali.

Tandon ha anche scritto diversi libri che raccontano la sua visione ed esperienza, come Trade is war: The West’s War Against the World, uno studio “impressionante”, secondo Noam Chomsky, degli orribili crimini che l’Africa ha subito e in che modo “la guerra di classe globale, istituzionalizzata nei cosiddetti accordi di libero scambio, è anche una guerra contro le tradizionali vittime della guerra di classe nei paesi. La resistenza, in Africa e altrove, che Tandon descrive qui, è una fonte di speranza per il futuro “, afferma il politologo americano.

“I paesi francofoni sono neocolonizzati dalla Francia e la Gran Bretagna ha fatto lo stesso con quelli di lingua inglese. Quindi, 60 anni dopo, l’Africa non è ancora indipendente”

Dall’Uganda, Tandon ha gentilmente accettato di parlare di diversi argomenti come il suo lavoro intellettuale, l’equilibrio dei programmi di aiuti allo sviluppo occidentali in Africa, il 60 ° anniversario dell’indipendenza africana nel 2020 e i rischi relativi alla pandemia di coronavirus ma anche le opportunità che si aprono per rafforzare la sovranità africana.

Lei è stato molto coinvolto, dietro le quinte, nei negoziati che hanno portato agli accordi di partenariato economico (APE) tra l’UE e l’Africa. Secondo lei che questo avrebbe dovuto aiutare l’economia africana?

Sì, era ed è ancora destinato a sollevare l’Africa dalla sua schiavitù con l’Europa. Tuttavia, per essere sinceri, sarà una battaglia difficile. E questo perché l’Africa non è mai diventata veramente indipendente. Quando i paesi asiatici divennero indipendenti dall’Europa, non firmarono alcun accordo di associazione economica con l’Europa. Ma in Africa i paesi francofoni sono neocolonizzati dalla Francia e la Gran Bretagna ha fatto lo stesso con i paesi di lingua inglese. Quindi, 60 anni dopo, l’Africa non è ancora indipendente. Siamo stati costretti a firmare quegli accordi di partenariato economico con l’Europa.

Come si spiega questo fallimento?

Sono stato molto coinvolto in questa lotta insieme a Seatini, l’organizzazione che ho fondato nel 1997, e successivamente a Ginevra, dove sono stato direttore esecutivo del Centro Sud, che è una sorta di “Nazioni Unite” dei paesi del Sud globale.

In Seatini consigliamo ai nostri governi di negoziare adeguatamente per proteggere i nostri interessi. Il problema, tuttavia, è al più alto livello politico. Nelle nostre capitali le persone ricevono chiamate dall’Europa, dall’America: “Firma questo accordo, sennò fermiamo gli aiuti!”. Tutta l’Africa è sotto questo tipo di pressione, compreso il Sudafrica. Il Sudafrica non ha bisogno di alcun aiuto a causa delle sue risorse. Ma i suoi leader politici sono corrotti e sono alleati con l’impero corporativo europeo e americano per sfruttare le risorse e il popolo del Sudafrica.

Nel suo libro Trade is War, analizza come l’OMC ha sostituito i temi della Conferenza delle Nazioni Unite per il commercio e lo sviluppo (UNCTAD) con altri nuovi: proprietà intellettuale, telecomunicazioni, organismi geneticamente modificati, ecc.

Secondo l’OMC, le decisioni devono essere prese “sulla base dell’unanimità, quindi tutti devono essere d’accordo”. Ciò significa che se non sono d’accordo non dovrebbe essere imposto nulla. Ma le grandi potenze hanno stravolto le cose: i più grandi paesi d’Europa, come Germania, America, Giappone e alcuni grandi paesi del sud del mondo, come Cina, India e Brasile, si incontrano e prendono decisioni che sono quindi vincolanti per tutti i membri. Se piccoli paesi come l’Uganda si rifiutano di attenersi a queste decisioni, vengono loro inflitte sanzioni. Quindi l’OMC è diventata per noi un’arma di distruzione.

Ha accumulato una vasta esperienza con gli agricoltori su terreni agricoli nello Zimbabwe e ha osservato da vicino le azioni delle multinazionali che operano nella biodiversità. Secondo la visione dominante, la proprietà intellettuale è “necessaria per lo sviluppo”. Ma secondo lei è il contrario! Puoi spiegarcelo?

Ho iniziato il capitolo sulla proprietà intellettuale dicendo che “la conoscenza deve essere libera”. Se hai una mela e la mangi, è finita. Ma quando condividi la conoscenza, il beneficio è per tutti, nessuno perde. La conoscenza è sempre stata libera in tutte le civiltà passate, per quattro o cinquemila anni. Quando arrivò il capitalismo, ha trasformato la conoscenza in proprietà privata. La “proprietà intellettuale” è diventata il monopolio della persona che scopre qualcosa di nuovo, lo brevetta nel suo nome o nel nome del suo comproprietario. Ciò diventa “proprietà della persona o della società”. E devi pagare le royalties per accedere alla conoscenza.

La proprietà privata è il fondamento del sistema capitalista. Tuttavia, la proprietà intellettuale è diventata parte del sistema globale solo negli ultimi 50 anni circa. Prima di ciò, ogni paese era in grado di industrializzarsi copiando la tecnologia di altri paesi. Gli Stati Uniti lo fecero con l’Inghilterra e poi arrivò l’Europa, compresa la Svizzera e altri. Tutti hanno copiato la conoscenza e poi l’hanno brevettata. La Svizzera è oggi uno dei maggiori produttori farmaceutici che utilizzano le conoscenze rubate alle aziende che le hanno brevettate. Dopo aver rubato la conoscenza, l’ha monopolizzata!

“La proprietà intellettuale è diventata parte del sistema globale negli ultimi 50 anni. Prima, ogni paese era in grado di industrializzarsi copiando la tecnologia di altri”

Ho combattuto i brevetti da quando lavoravo nel South Center. Mi difendo con ciò che ho imparato in Zimbabwe, dove ho lavorato per 23 anni con contadini nelle aree rurali. Lì ho scoperto che la maggior parte delle medicine tradizionali africane proviene da alberi: corteccia, arbusti e radici. Vedevo rappresentanti di aziende farmaceutiche, vestiti con divise bianche, che venivano e prendevano campioni di colture, di corteccia d’albero, e anche di sangue umano, espettorato e saliva. Quella conoscenza è stata presa dall’Africa, ed è stata trasformata in medicina, poi brevettata e venduta a prezzi esorbitanti!

Una società svizzera venne nello Zimbabwe, aveva un ufficio all’università con il sostegno del governo. L’ho combattuta! Ho detto al governo che queste persone “stanno rubando le nostre conoscenze e posso dare loro un esempio concreto di come le rubano”. Quindi quel progetto fu chiuso. È una lotta molto difficile. Perfino la Cina sta brevettando le sue conoscenze perché fa parte del sistema capitalista.

Le comunità rurali dello Zimbabwe potrebbero resistere alle politiche di “sviluppo”?

Nella valle Zambezi ho lavorato per anni con gli sciamani. Quando gli europei arrivarono in Africa li chiamarono “stregoni”. E non lo sono. Possiedono un’enorme conoscenza! Mi hanno aiutato a capire le cose. Li ho aiutati a tradurre tutto in lingua ufficiale per convincere il governo che dobbiamo usare la conoscenza tradizionale del popolo. Con il mio aiuto siamo riusciti a fermare l’uso di fertilizzanti nelle fattorie della valle Zambezi. Sfortunatamente, ciò che non potevamo fermare è l’uso di semi ad alto rendimento, contro i nostri desideri. Il motivo per cui non siamo riusciti a farlo è stato perché moltissimi lavoratori agricoli erano ormai formati all’agricoltura modernizzata e all’uso di quei semi. Gli sciamani potrebbero spiegare scientificamente perché questi semi e fertilizzanti vanno in profondità nel terreno e succhiano l’humus dalla terra. Più li usi, più fertilizzanti ti servono, più acqua ti serve e più semi brevettati ti servono. È un circolo vizioso che continua all’infinito. Purtroppo abbiamo perso la battaglia perché il governo ha deciso di modernizzare l’agricoltura. Quindi, tra le altre ragioni, sono contrario agli aiuti …

Nel suo libro afferma che “l’aiuto allo sviluppo è il più grande pericolo per l’Africa. La priva delle sue politiche economiche indipendenti”. Quali lezioni possiamo trarre dagli “aiuti allo sviluppo”?

La Cina è stata in grado di industrializzare perché ha ottenuto la conoscenza libera dall’Unione Sovietica negli anni 1950. L’Unione Sovietica non ha usato i brevetti, ha fornito la conoscenza gratuitamente. A suo tempo fornì la sua conoscenza anche all’India, quindi le prime auto che furono costruite in India erano basate su modelli dell’Unione Sovietica. Temo che il tempo sia passato. La Russia non è più l’ex Unione Sovietica. La Cina non è la Cina maoista, è un paese che sta diventando capitalista a modo suo: un “capitalismo con caratteristiche cinesi”. Tuttavia, il capitalismo cinese è diverso perché la Cina non ha mai colonizzato nessun paese. I cinesi potrebbero diventare un paese imperialista? Non lo so. Ma per ora, sono amici dall’Africa. Quando gli investimenti provengono dall’Europa o dall’America, vogliono profitti immediatamente, diciamo tra sei mesi o al massimo due anni. Pertanto, gli investitori occidentali non costruiscono mai alcuna infrastruttura come strade, ferrovie, ecc. Quando arrivano i cinesi, fanno investimenti a lungo termine in infrastrutture, agricoltura, ecc. Alcuni sono borse di studio complete.

“I cinesi, anche con il loro approccio capitalista, ci trattano in modo diverso. Accogliamo con favore gli aiuti cinesi, anche se dobbiamo negoziare in modo appropriato”


Ora in Africa stiamo affrontando difficoltà dovute al coronavirus. E i cinesi hanno detto: “Cancelliamo tutti i debiti per l’Africa”. Quindi non è lo stesso tipo di trattamento dei paesi europei o dell’America. I cinesi, anche con il loro approccio capitalista, ci trattano in modo diverso. Accogliamo con favore gli aiuti cinesi, anche se dobbiamo negoziare adeguatamente. Non conosciamo il futuro. Ora stiamo entrando in un’era molto diversa, un’era post-coloniale, e penso che questo cambierà le regole del gioco, fondamentalmente.

Secondo lei, quali sono le aree economiche che la cooperazione africana dovrebbe prendere come priorità, nell’ambito di un’organizzazione regionale africana, per rafforzarsi?

L’Africa orientale è composta da 5 paesi: Kenya, Tanzania, Ruanda, Uganda e Burundi. Quattro di questi paesi sono paesi meno sviluppati e hanno una zona esente da dazi, senza quote, con accesso al mercato europeo. Il Kenya non è un paese LDC, sebbene il tenore di vita in Kenya non sia molto diverso da quello dell’Uganda. Tuttavia, il Kenya è costretto a firmare l’accordo di partenariato economico con l’Unione europea. Questo è dividere e governare!

In Kenya il governo favorisce i ricchi agricoltori a spese dei poveri agricoltori. I fiori vengono coltivati per essere esportati in Europa. I fiori sono un prodotto che richiede molta acqua. Quando sono andato a Naivasha, in Kenya, ho visto cosa stava succedendo. Il lago Naivasha si stava prosciugando. Grandi società in Europa e un paio di famiglie benestanti in Kenya, compresa la famiglia del Presidente, stanno usando l’acqua del lago per coltivare, ad esempio, rose per l’esportazione in Europa. E i poveri pescatori non possono più pescare perché il lago non può ospitare i pesci. I contadini hanno piccole proprietà ma sono presi dai grandi. Questi sono solo alcuni esempi.

I piccoli agricoltori hanno portato i ricchi agricoltori in tribunale e hanno vinto il processo! Ma per quanto riguarda l’applicazione … niente. Perché i ricchi controllano lo stato.

Dobbiamo cambiare l’intero sistema in modo che le persone siano al potere dal basso, non dall’alto. Questa è una lunga battaglia per noi in Africa. Ma come ho detto, ci sono due cose che stanno accadendo e spero che sia un cambiamento geopolitico globale. Uno è questo coronavirus che sta davvero cambiando l’aritmetica della produzione e della distribuzione. E l’altro è il movimento Black Lives Matters …

Quale impatto può avere la pandemia sull’economia africana?

Il coronavirus è un’arma a doppio taglio: fa male alle persone e se lo contraggono corrono il rischio di morire … Ma ha anche fermato il commercio internazionale. Ed è meraviglioso che non possiamo avere importazioni dall’Europa o dall’America.

Prendi cotone e tessuti, per esempio. Tutti i paesi industrializzati hanno iniziato con cotone e tessuti: America, Gran Bretagna, Giappone, Francia … In Uganda avevamo otto fabbriche integrate verticalmente, dal cotone al filato, al filato e poi all’abbigliamento … e hanno chiuso tutti! Dedico molto tempo alla ricerca di Import Substitution Industries (ISI) con un valore aggiunto locale. Spero di convincere il governo ugandese a sovvenzionare la coltivazione del cotone, quindi sgranare, tessere e vestire. È lungo, lo so, ma dobbiamo iniziare da qualche parte e il coronavirus ci ha dato una possibilità.

Ha anche menzionato Black Lives Matters …

Sì, l’altra cosa che è accaduta di recente è l’omicidio di George Floyd. Soggetti fascisti nella società americana hanno ucciso neri per decenni. Martin Luther King fu assassinato dopo aver parlato della libertà degli africani. Questa volta è diverso! Le persone si stanno mobilitando non solo in America, ma in tutto il mondo, compreso il Regno Unito, in Asia, ovunque. Questo è il momento di una trasformazione radicale!

Il coronavirus e Black Lives Matters stanno cambiando le cose. In Africa, la gente sta distruggendo le statue coloniali! Proprio questa settimana l’Università di Oxford ha deciso di rimuovere la statua [Cecil] Rodhes! Ne ho scritto cinque anni fa quando ero a Oxford.

“Il coronavirus è dannoso per le persone. Ma ha anche fermato il commercio internazionale. Ed è meraviglioso non avere importazioni dall’Europa o dall’America”

Il mondo sta cambiando, la civiltà europea sta collassando. L’America è in una grande crisi e non sa dove sta andando. Trump sta confondendo tutti. Tra i grandi paesi, la Cina è l’unica a contenere il coronavirus. L’India ha fallito.

Questa doppia rivoluzione, quella di Black Lives Matters e del coronavirus, può aiutarci a liberarci dall’impero. Queste due rivoluzioni ci stanno aprendo la possibilità di iniziare a cambiare le cose nel nostro rapporto con l’Occidente. Stiamo vedendo un altro mondo che sta emergendo …

Sembra che queste lotte della diaspora africana nel mondo si uniscano ad un più ampio movimento panafricano. È un’occasione per riconnettersi con la storia coloniale e rendersi conto che nuove forme di colonialismo sono ancora vive?

Sì. Spero che, grazie a quello che è successo a George Floyd, negli Stati Uniti, e al rinnovamento della coscienza africana in tutto il mondo, l’identità africana verrà affermata, sia in Africa che in altri paesi. L’Africa è l’unico continente in cui le persone sono così consapevoli di se stesse, di essere africane. Lo spirito africano è molto forte, anche se siamo divisi e governati dall’Occidente, come ho spiegato nel caso del Kenya. Sebbene la nostra realtà materiale sia molto diversa, spero che questo sogno diventerà realtà. E una volta che ciò accade, possiamo tradurre le nostre idee in programmi pratici sul campo.

Il politico e filosofo panafricano Kwame Nkrumah ha affermato che il percorso verso la sovranità e l’autosufficienza può essere lungo …

Esatto. Sebbene abbiamo l’indipendenza politica, non abbiamo ancora l’indipendenza economica. Quindi il libro di Nkrumah, l’Africa deve unire, è molto importante. Ha detto che dobbiamo lavorare sull’indipendenza economica. Nyerere ha detto la stessa cosa. Ma mentre Nkrumah voleva un’immediata unità africana, Nyerere ha chiesto una fase intermedia per unire l’Africa prima a livello regionale. Penso che sia giunto il momento. Il crollo dell’Impero euro-americano, la fine del neoliberismo dopo la crisi finanziaria del 2007-2008, e ora la pandemia di coronavirus e African Lives Matter, è un movimento che è ora globalizzato. Quindi sì, lo spirito di Nkrumah e quello di Nyerere continuano a vivere. E anche gli spiriti di Leopold Senghor, Samora Machel, Nelson Mandela e i tre leader che furono assassinati a sangue freddo: Patrice Lumumba, Steve Biko e Thomas Sankara. È ancora un lungo viaggio. sto diventando vecchio Ma spero che la nostra giovane generazione farà avanzare l’Africa.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *