Cooperazione Internazionale e multilateralismo, Guerre e Armamenti, Roberto Savio

Una verità sgradevole

Set 23 2020

di Roberto SavioOTHERNEWS

Lettera di Roberto Savio agli amici sulla pace in Medio OrienteLa creazione di uno stato palestinese rimane una chimera

Roberto Savio, Presidente e fondatore di Othernews

Dopo la caduta dell’Impero Ottomano, alla fine della prima guerra mondiale, la Gran Bretagna fu incaricata dalla Società delle Nazioni di amministrare la Palestina. La gestione di Londra fu inefficace, in parte, a causa delle contraddittorie promesse fatte agli arabi, ai sionisti e alla Francia, l’altra potenza coloniale con cui divideva l’area.

Ma il conflitto è molto più antico. Sono già passati 30 secoli dai primi scontri tra filistei ed ebrei e l’accordo di pace promosso dal presidente USA Donald Trump tra Israele e le due piccole dittature monarchiche arcaiche nel Golfo non sarà certo la soluzione alla rivalità millenaria.

I Filistei si stabilirono in quella zona intorno al 1200 a.C..

Alla fine dell’XI secolo a.C., gli israeliti riuscirono a espellerli da gran parte del loro territorio, ma rimasero indipendenti sulla fascia costiera. E, sebbene non abbiano mai dominato completamente l’intera area, il nome del popolo (demonimo) deriva proprio, dalla parola Peleset (Filisteo) e dal territorio Filasṭin, Falasṭn o Filisṭin (Palestina).

Tremila anni dopo, il conflitto sembra essere irreparabile. Gli israeliani non accettano l’esistenza di uno stato palestinese.

Da parte loro, i leader palestinesi vivono usando una retorica impossibile, che li ha portati a perdere molte occasioni. La corruzione di cui sono accusati è vera, ma Israele ha una storia piuttosto oscura.

I sultani e gli sceicchi arabi sono persone con una mentalità di mezza età, l’unica cosa che conta per loro è il fanatismo religioso e il denaro. A Trump piace, perché in qualche modo gli somiglia. Gli israeliani hanno potuto approfittare di tutto questo ed eliminare la possibilità di uno Stato palestinese.

Risultato: i palestinesi dovranno vivere sotto il controllo israeliano. Diventeranno cittadini di seconda classe e la composizione di Israele cambierà poiché gli ultraortodossi Haredin hanno un tasso di crescita più alto di arabi ed ebrei.

Gli arabi sono il 20% della popolazione, mentre gli haredin costituiscono già il 12% della popolazione. Al momento della creazione dello Stato di Israele, erano solo lo 0,2%. Sono clan medievali, che vivono in un mondo speciale. Ad esempio, hanno ottenuto il diritto di non andare a scuola, poiché studiano solo le Sacre Scritture. Non fanno il servizio militare e di diritto non lavorano, in fondo sono sostenuti dallo Stato.

Benjamin Netanyahu sopravvive grazie ai partiti ultraortodossi. Il futuro di Israele non è un futuro di pace. È un paese che girerà sempre più a destra, che dovrà continuare a usare la forza contro i palestinesi, che diventeranno esclusivamente un problema interno, poiché saranno abbandonati dagli altri arabi. Vivranno in condizioni economiche e sociali spaventose e vedremo Israele adottare sempre più la via dell’apartheid.

Queste brevi vittorie per Netanyahu fanno presagire un futuro nero. Ho visitato la regione troppe volte per avere una prognosi positiva. In tutto questo Trump sta spingendo alleanze con i fondamentalisti religiosi sunniti guidati dall’Arabia Saudita, uniti contro gli sciiti, guidati dall’Iran.

L’Iran, l’antica civiltà persiana, è molto più tollerante dei sunniti. Il problema è che è stato catturato da un gruppo di fanatici, che ha approfittato dell’impopolarità dello Scià, Mohammad Reza Pahlaví, per prendere il potere nel 1979. Non sono popolari, ma rimangono al potere.

Va ricordato che il regime teocratico è stato installato con l’aiuto decisivo dell’Occidente.

L’ayatollah Ruhollah Khomeini è tornato dal suo esilio in Francia in Iran su un aereo messo a disposizione dal governo conservatore del presidente francese Valéry Giscard d’Estaing. L’Iran fa parte degli errori di lettura della realtà degli Stati Uniti, la cui politica estera è sempre a breve termine.

Scatenare un’escalation per rimuovere lo Scià, usando il clero, creò un regime che alla fine si è ribaltato contro di loro, qualcosa che Reza Pahlaví non avrebbe mai fatto. È lo stesso errore commesso in Afghanistan, quando hanno finanziato un movimento contro l’occupazione russa, creando fenomeni come Bin Laden, che è finito nella direzione opposta.

Per inciso, è lo stesso errore che Israele ha commesso quando ha sostenuto Fatah all’inizio, per indebolire l’Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP) di Yassir Arafat.

I mullah non sono affatto popolari, ma rimangono al potere grazie al sostegno dei contadini e a un forte apparato repressivo. Senza dubbio a un certo punto verranno estromessi dopo una sanguinosa crisi interna e l’Iran tornerà alla normalità.

A questo proposito, desidero sottolineare tre questioni: a) L’Iran ha università di alto livello, ottimo cinema, eccellente architettura, buono status scientifico – tutte realtà sconosciute nel mondo sunnita. b) A Teheran ci sono sinagoghe e chiese, cosa inesistente nel mondo sunnita. c) In tutti gli attacchi terroristici in Europa e negli Stati Uniti, non c’è un solo terrorista sciita. E tieni presente che l’Iran ha subito sanzioni per 40 anni.

Morale: il disastro politico del Medio Oriente è un disastro della governance, in cui l’Occidente e Trump hanno molte responsabilità. E anche gli europei, che hanno insediarono re, principi, emiri e sceicchi quando l’Impero ottomano fu diviso.

E Trump, con il genero, che pur essendo ebreo sa ragionare in termini arabi, ha rafforzato il mondo dei petrodollari e del pensiero medievale.

In tutto questo panorama, i palestinesi continuano come un popolo senza paese e senza nazionalità, e gli israeliani hanno pronta la risposta: non accettano il piano di pace, e non hanno leader che vogliono la pace.

Tuttavia, persistere nel mantenere milioni di persone risentite e in povertà non è una ricetta intelligente. Ed è evidente che il livello intellettuale e artistico del popolo israelita ha poco a che fare con questa formula.

Pertanto, cadere in questa trappola può essere spiegato solo dallo sforzo di Netanyahu di rimanere al potere, ad ogni costo, vendendo la sua anima all’estrema destra, con una sinistra che è diventata una forza simbolica.

Leggi anche 👇

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *