Cooperazione Internazionale e multilateralismo, Diritti Umani, diritti civili, giustizia sociale, Migrazioni, Nuove voci del giornalismo, Politica Internazionale

Ursula von der Leyen si imbarca nella questione migranti

Set 27 2020

di Marlene SimoniniOTHERNEWS

È successo: gli occhi della comunità europei sono caduti sulla questione migranti e siamo giunti alla decisione che sì, bisogna migliorare le cose e sì’, ora è un buon momento per farlo. Altolà, all’annuncio di nuove procedure abbiamo gioito, ora che in parte le conosciamo un certo scetticismo la fa da padrone, ma i giochi non si sono ancora conclusi…

Credits to: Stefano Bosis, migrants’ night, oil on canvas, 2017

Excursus storico

Fino ad oggi la questione immigrazione è stata regolamentata dalla Convenzione di Dublino, non per nulla detta anche Convenzione della discordia. È entrata in vigore il 1 settembre 1997 in forma di regolamento, ovvero come legge europea vincolante per tutti quegli stati facenti parte dell’Unione Europea. Ha subito due diverse modernizzazioni: la prima nel 2003, divenendo Dublino II e la seconda nel 2013, con Dublino III, e questa settimana sarebbe dovuta essere la volta buona per riprenderla in mano, rimaneggiarla e ridarle una nuova, bellissima vita.  

La gestione dei flussi migratori era un argomento in lista per la fine del mese di settembre, tuttavia la contemporanea pandemia e il più recente e doloroso incendio nel campo profughi di Moria, Grecia, hanno reso evidente l’urgenza della questione.

Quali sono le ragioni per abolire, oggi, ahora, now, la convenzione di Dublino?

Essenzialmente, è da rivedere quel meccanismo che sovraccarica i paesi di primo approdo – in primis Italia, Grecia e Malta.  Il sistema comunitario in vigore stabilisce che tali paesi sono incaricati di trattenere i migranti in attesa che la loro richiesta di asilo venga approvata. Ciò sovraccarica, come è facile intuire, i paesi di frontiera, in prima linea nell’accoglienza dei flussi provenienti dalla Turchia, dalla Libia e, più recentemente, anche dalla Tunisia. Questo sovraccarico – ma non solo – genera procedure lente e stantie e ci fa dimenticare stiamo pur sempre parlando di uomini, di persone, di vite.

Reazioni all’annuncio di cambiamenti

Plauso ovviamente da Italia e Grecia, in primis. Rifiuto da parte di Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia, paesi già condannati dalla Corte di Giustizia dell’UE per aver disatteso il piano di ricollocamenti del 2015. Nel mezzo Francia, Germania e gli stati rimanenti, con orecchie ben tese verso i cambiamenti pronunciati dalla preside della Commissione Europea, Ursula von der Leyen.

Quali cambiamenti, quindi?

Pochi. Prima di tutto. O quantomeno migliorabili. La parola solidarietà è stata pronunciata 22 volte dichiarando la nascita del New Pact on Migration and Asylum. Tale patto, fa male dirlo, lascia trapelare quella che è sempre stata l’esigenza primaria dell’Unione Europea: contenere gli arrivi e favorire i rimpatri. In particolar modo, diverse sono le criticità: nel nuovo Patto non vi è traccia della ricollocazione obbligatoria dei migranti tra i vari Stati membri, aspetto cu cui hanno insistito particolarmente i paesi di frontiera. In secondo luogo, i Paesi UE non di primo approdo avrebbero la possibilità di scegliere se accogliere i migranti o pagare per il loro rimpatrio. Infine, i tempi. Tempi troppo rigidi e troppo stretti, tempi troppo brevi, dall’arrivo del migrante, per poter esaminare la sua domanda di asilo e riconoscere una situazione di vulnerabilità. fino all’assenza, tra l’altro, di qualsiasi parola riguardante i canali umanitari, essenziali nell’evitare tragedie in mare e in prima linea nel combattere il traffico degli esseri umani.

Quel senso di soddisfazione che ci aspettavamo in seguito all’annuncio di cambiamenti nella politica migratoria non c’è stato, è vero, ma possiamo considerare questo come un punto di partenza per la riapertura delle trattative. Un viaggio che l’Europa potrà compiere, remando verso un approdo migliore.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *