Politica Internazionale

Europa, Stati Uniti e Cina

Ott 13 2020

di Boaventura de Sousa SantosOTHERNEWS

L’Europa è ad un bivio: deve scegliere se approfondire l’integrazione di tutti i paesi membri dell’Unione o frammentarsi.

Le dichiarazioni dell’ambasciatore statunitense nella sua intervista al settimanale Expresso del 26 settembre sono offensive per il popolo portoghese e violano i codici di condotta diplomatici. Ha minacciato che gli Stati Uniti non considererebbero più il Portogallo un alleato, non solo in materia economica ma anche in materia di sicurezza, se il Portogallo adottasse (anche se solo parzialmente) la tecnologia 5G di Huawei. Sappiamo che uno stile così aggressivo è il segno dell’interferenza negli affari interni dei paesi vassalli e delle “Banana Repubblic”. Ma i tempi e il contesto delle dichiarazioni dell’ambasciatore sono fin troppo chiari. Dato che l’obiettivo geostrategico degli Stati Uniti è quello di indebolire o smantellare l’UE (la Brexit è stata solo il primo passo), in modo da costringere più facilmente i paesi europei a partecipare alla nuova guerra fredda – cioè la guerra contro la Cina -, il Portogallo è l’obiettivo perfetto, non solo perché è visto come uno degli anelli deboli dell’UE, ma anche perché presiederà l’Unione nei prossimi mesi. Le autorità portoghesi hanno reagito nell’unico modo possibile, ma spetta all’UE prendere le decisioni importanti. Quale decisione vede la migliore per preservare i suoi interessi? L’Europa è giunta a una biforcazione decisiva: o si frammenta o cerca di approfondire l’integrazione. La mia analisi si basa sul concetto che l’integrazione è meglio della frammentazione e sul presupposto che l’integrazione non può essere approfondita senza il rispetto dell’autonomia di ciascun paese e relazioni più democratiche tra i paesi.

Non è questa la sede per analizzare a fondo i legami di lunga data tra Europa (in particolare la regione mediterranea) e Cina e India, due paesi che fanno parte dello stesso super-continente, l’Eurasia, dove l’età del bronzo ha dato il via alla prima rivoluzione urbana circa 3.000 anni prima della nostra. Ricordiamoci solo che ci sono stati scambi commerciali e tecnologici nella regione nel corso di molti secoli e che l’Occidente è stato dominante in certi periodi, mentre l’Oriente è stato dominante in altri. Questa alternanza sembrò cessare nel XV secolo, con il pendolo che oscillava a favore dell’Europa. Con l’impero ottomano che bloccò l’espansione via terra, l’Europa divenne la culla degli imperi transatlantici guidati successivamente da Portogallo, Spagna, Olanda, Francia e Inghilterra. Questo lungo periodo, tuttavia, terminò nel 1945 (senza contare il fatto che le colonie portoghesi non raggiunsero l’indipendenza fino al 1975). Da allora, gli Stati Uniti sono stati l’unico impero degno di questo nome. Si parla, da alcuni anni, del suo declino e dell’ascesa dell’impero cinese, anche se si discute se la Cina sia già (di nuovo) un impero. Da diversi anni gli studi dei servizi di intelligence statunitensi (CIA) prevedono che la Cina sarà la prima economia del mondo entro il 2030.

Tutte le prove suggeriscono che ci troviamo di fronte a un impero in declino e un altro in ascesa. La pandemia ha solo fatto risaltare i segni con maggiore rilievo. Vorrei evidenziare quanto segue. Prima di tutto, per diversi secoli e fino all’inizio del XIX secolo, la Cina è stata una delle principali economie mondiali, rappresentando dal 20 al 30 per cento dell’economia mondiale. Poi iniziò a diminuire, tanto che nel 1960 rappresentava solo il 4% dell’economia mondiale. Dagli anni ’70 in poi la Cina ha cominciato a riemergere, e attualmente rappresenta il 16 per cento. La pandemia ha reso abbondantemente chiaro che la Cina è diventata l’officina del mondo. Mentre Donald Trump si scaglia contro il virus cinese, il personale medico e infermieristico attende con ansia la consegna di una nuova fornitura di dispositivi di protezione individuale dalla Cina. Studi di Commerzbank e Deutsche Bank indicano che nel corso di quest’anno la Cina recupererà le perdite di PIL dovute alla pandemia, mentre Europa e Stati Uniti continueranno ad affrontare una grave recessione. Oggi il consumo interno cinese è pari al 57,8 per cento del PIL (contro il 35,3 per cento del 2008), una percentuale prossima a quella dei paesi più sviluppati. I media occidentali hanno prestato scarsa attenzione al fatto che la Cina, di fronte all’intensificarsi della guerra fredda da parte degli Stati Uniti, è pronta a perseguire una politica di maggiore autosufficienza o autonomia che le consentirà di continuare ad esportare nel mondo, senza dover fare affidamento sulle importazioni di alta tecnologia. Tra i paesi europei, la Germania potrebbe essere uno dei più gravemente colpiti, insieme a Giappone e Corea del Sud. L’immagine proveniente dagli Stati Uniti è praticamente l’opposto di tutto questo. L’eccezionale dinamismo raggiunto dagli Stati Uniti durante la fine degli anni Quaranta e i due decenni successivi è ormai passato. Storicamente inclini a considerare la guerra come un mezzo per risolvere i conflitti, gli Stati Uniti insistono nello sprecare in avventure militari la ricchezza che sarebbe meglio investire nel paese. La spesa militare dal 2001 è stata di 6 trilioni di dollari. L’ex presidente Jimmy Carter si è recentemente lamentato del fatto che gli Stati Uniti siano stati in pace solo per 16 dei suoi 242 anni come nazione. Al contrario, la Cina non è stata in guerra con nessun paese dagli anni ’70 (nonostante alcune tensioni regionali) e le stime dicono che ora produce tanto cemento in tre anni quanto gli Stati Uniti durante l’intero XX secolo. La Cina sta costruendo una vasta classe media, mentre gli Stati Uniti stanno distruggendo la propria classe media. I tre americani più ricchi possiedono la stessa ricchezza dei 160 milioni di americani più poveri. Gli Stati Uniti sono in costante calo nell’indice mondiale della libertà di stampa e attualmente si collocano al 45 ° posto (in un elenco superato da diversi paesi europei, con il Portogallo al 10 ° posto e la Cina al 177 °). La condotta politica di Donald Trump è l’opposto di tutte le cose positive che abbiamo imparato dagli Stati Uniti, al punto che il paese è ora a rischio di essere spinto sull’orlo di una guerra civile. Tuttavia, per quanto pericoloso e da cartone animato com’è, Trump non è la causa del declino degli Stati Uniti, ma piuttosto il suo prodotto.

L’Europa (in particolare la parte dell’Europa con il più alto indice di sviluppo umano) ha beneficiato dell’apertura della Cina al commercio internazionale e della conseguente instaurazione di relazioni pacifiche tra Stati Uniti e Cina. In questo contesto, l’UE non aveva bisogno di una vera politica estera. Ci sono tutte le indicazioni che questo periodo sia finito e che l’Europa sarà costretta a scegliere. Anche se storicamente segnata dalla violenza, sia interna che mondiale, l’Europa oggi non ha aspirazioni imperiali e sembra voler dare un contributo credibile alla difesa dei valori democratici, della convivenza pacifica e dei diritti umani. Gli imperi sono immancabilmente dannosi per le regioni sotto il loro dominio. Si può dire che quelle regioni che non hanno la capacità di competere, per il potere imperiale possono sempre guadagnare di più alleandosi con un impero in crescita che con uno in declino. D’altra parte, tuttavia, non vi è alcuna garanzia che l’impero cinese sarà migliore per gli europei dell’impero nordamericano. Sembra che l’unico modo per preservare i valori di democrazia, coesistenza pacifica e diritti umani sia mantenere un certo grado di autonomia in relazione a entrambi. Solo una tale autonomia relativa consentirà all’Europa di portare l’integrazione a un livello più profondo, attraverso una discussione sui termini del suo inserimento nella nuova era, che sembra essere non tanto una nuova era di globalizzazione quanto un’era di muri tecnologici (e molti altri muri, del resto, di tipo non meno pericoloso). Ciò equivale a dire che nessun paese europeo dovrebbe lasciarsi ricattare. Gli sviluppi internazionali dell’ultimo decennio ci dicono che la Cina accetta la nozione di autonomia relativa e sa come frenare la sua spinta espansiva ogniqualvolta sia necessario. Al contrario, la pressione non diplomatica attualmente in corso è un avvertimento che gli Stati Uniti non accettano la nozione di autonomia relativa. L’incapacità dell’Europa di scoprire come resistere sarà il primo passo di un doloroso viaggio verso la frammentazione.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *