COVID-19, Diritti Umani, diritti civili, giustizia sociale, Politica Internazionale, Società Civile

2020, l ‘annus horribilis è quello che è passato o quello che verrà?

Gen 2 2021

Il 2020, l'”annus horribilis” come è stato considerato, si conclude con una crisi umana ed economica globale senza precedenti.

2020, l'annus horribilis

Aram AharoniansurYsur

Il 2020, l'”annus horribilis” come viene considerato, si conclude con una crisi umana ed economica globale senza precedenti. La pandemia ha contaminato 80 milioni di persone e ne ha uccise 1,8 milioni in tutto il mondo.

Con i lockdown, l’economia mondiale ha subito la peggiore recessione degli ultimi 75 anni, causando la perdita di reddito per milioni di persone. L’America Latina e i Caraibi chiudono l’anno con più di 15 milioni di contagiati e quasi mezzo milione di morti, 30 nuovi milioni di disoccupati e con milioni di poveri e affamati.

Pochi hanno capito che la pandemia di Covid-19 non è affatto un evento isolato ed eccezionale, ma piuttosto un semplice momento di un processo molto più ampio: il collasso ecosociale. Il grande shock generato dal confinamento totale si allontana ogni giorno di più. Da mesi stiamo vivendo una “nuova normalità” che non è nuova, poiché continua a mettere il capitale e la crescita davanti alla vita.

C’erano ottimisti -come sempre- che pensavano che lo stop potesse essere usato per avviare un cambiamento radicale di rotta, ma sembra che le nostre società siano state indirizzate ad aggrapparsi alla paura e al continuismo e, nel continuare a combattere perchè tutto rimanga uguale e torni normale il prima possibile, a regolarizzare, stabilizzare.

Il filosofo, drammaturgo e romanziere francese veterano Alain Baidou osserva che tra le catastrofiche prediche fatte dai settori più involontariamente religiosi dell’ambientalismo (siamo sull’orlo del Giudizio Universale) e le fantasmagorie di una sinistra disorientata (siamo contemporanei di “lotte” esemplari, degli inarrestabili “movimenti di massa” e del “collasso” di un capitalismo liberale devastato dalla crisi), ogni orientamento razionale svanisce e una sorta di caos mentale, sia esso proattivo o disfattista, prevale ovunque. Ferma il mondo che voglio scendere.

E tra coloro che pagano per i piatti rotti di una simile debacle, ci sono i 632 milioni di cittadini latinoamericani e dei Caraibi (427 milioni in Sud America, 77 in Centro America e Caraibi e 128 milioni in Messico). Forse la nostra vita pre-pandemica è diventata storia antica, ricordi di un mondo che era, perché molto probabilmente non torneremo alla normalità che conoscevamo.

Leggi anche G20, milioni di nuovi poveri sono in arrivo – A chi frega?

Ora quasi tutto è virtuale, compreso il lavoro, che mette in moto la guerra tecnologica e il lancio del 5G mentre il 6G avanza entro il 2025 e le grandi aziende tecnologiche come Google, Apple, Facebook e Amazon (oltre ai cinesi come Huawei, Alibabá) hanno molta più presenza e potere degli stati stessi.

Il 2020, l’anno horibilis, verrà rimpiazzato dal 2021 che sarà sicuramente l’anno peggiore da quando ci sono record (più di un secolo, secondo ECLAC). E la povertà e i principali indicatori del benessere sociale torneranno ai livelli di un decennio fa. La regione centroamericana dovrà aspettare almeno fino al 2023 per riguadagnare il suo livello di PIL pre-2020. Ma il problema più grande resta l’enorme disuguaglianza, l’enorme divario tra i sempre più potenti e le popolazioni.

Un quarto della popolazione dell’America Latina, circa 142 milioni di persone, è a rischio di contrarre il Covid-19 a causa della mancanza di accesso all’acqua potabile, dell’uso di combustibili nocivi all’interno delle proprie case e della malnutrizione, in una regione dove, Secondo Oxfam, la ricchezza delle 73 persone più potenti ammonta a più di un miliardo di dollari ed è aumentata di oltre 50 miliardi di dollari dall’inizio della pandemia.

In questo mondo il modello neoliberista è un paradigma esaurito, sebbene quella tensione sembri più resistente nella nostra regione, ma più grave è che il concetto di democrazia sta scomparendo, con l’ascesa dell’estrema destra in assenza di proposte della sinistra per uscire dalla crisi. Oggi la democrazia si combatte nelle strade, spalla a spalla.

L’America Latina e i Caraibi chiudono il 2020 con un calo del PIL del 7,7% e un tasso di disoccupazione del 10,7% nella peggiore crisi degli ultimi 120 anni. La distribuzione dei vaccini è un altro fattore determinante. “La pandemia non è ancora sotto controllo”, afferma Alicia Bárcena, direttrice di ECLAC. I Caraibi sarebbero la sotto-regione più colpita, con una contrazione del 7,9%, seguiti dal Sud America con -7,3% e dal Centro America con il 6,5%. Il Messico, da parte sua, dovrebbe scendere del 9%.

A fine anno l’unica certezza è l’incertezza che ci invade e persistono paure e polarizzazioni e tensioni politiche, sospinte dal nord. Lo scontro ideologico non è nuovo, ma è aggravato dalla minaccia di una crisi economica e dal fallimento dei modelli politici tradizionali. La nuova configurazione politica sarà accompagnata dal posizionamento della politica estera statunitense sotto la presidenza di Joe Biden.

L’economista spagnolo José Luis Sampedro diceva che il fatto che la gente accetti i tagli e li consideri quasi necessari è dovuto a una delle forze più importanti che motivano l’uomo: la paura. “Il governo basato sulla paura è molto efficace. Se minacci le persone di tagliargli la gola, e poi non gli tagli la gola, ma le sfrutti, le agganci a una macchina… Penseranno: beh, almeno non ci ha tagliato la gola ”.

Sampedro ha insistito sul fatto che “ci sono due tipi di economisti: quelli che lavorano per rendere i ricchi più ricchi e quelli che lavorano per rendere i poveri meno poveri”. Sfortunatamente, è stata evidente l’assenza di questi ultimi in questi tempi di Covid.

La pandemia di coronavirus ha aumentato l’incertezza nel 2020, che già si prevedeva sarebbe stata sconvolta in America Latina ma che nell’ultimo trimestre dell’anno . La vittoria a favore di una nuova Costituzione in Cile e la fine del governo de facto in Bolivia dopo la vittoria di Luis Arce alle elezioni presidenziali di ottobre lo sono. Forse, i casi che hanno avuto il maggiore impatto.

Ma sebbene abbiano occupato meno spazio nei media egemonici, la crisi economica e sociale è peggiorata in Argentina, l’estrema destra Jair Bolsonaro ha ampiamente perso le elezioni parlamentari in Brasile, la violenza continua ad affliggere Messico e Colombia e le proteste sociali non si sono fermate in Ecuador, Guatemala o Perù.

E, nonostante la costante destabilizzazione, le minacce di invasione, il furto di risorse finanziarie, il blocco statunitense ed europeo, il Venezuela è riuscito a tenere le sue elezioni parlamentari e mantenere il suo governo costituzionale.

Per la nostra regione è stato un brutto anno per i movimenti sociali, messi alle strette dalla crescita della militarizzazione e di vari controlli statali, anche digitali, dall’imposizione di confini che hanno impedito la mobilità e accentuato l’isolamento e l’individualismo. Un cocktail opprimente e repressivo come non si vedeva da tempo, riassume Raúl Zibechi.

I limiti imposti alla popolazione in generale, e alla mobilitazione in particolare, sommati all’abbandono degli Stati, hanno portato i movimenti a ritirarsi, prima per salvaguardare la salute collettiva e comunitaria, evitare il contagio massiccio nei territori dei popoli, e poi per rafforzare le autorità competenti. Si sarà in grado di rilanciare in futuro le proteste e le mobilitazioni?

Per il Centro America, il 2020, l’annus horribilis, è stato l’anno della pandemia e degli uragani, ma anche dell’approfondimento delle riforme neoliberiste che sono riuscite ad aumentare la povertà, la fame e i tassi di emigrazione, afferma Rafael Cuevas.

Gli uragani hanno provocato danni materiali morti e incalcolabili in Nicaragua, Honduras e Guatemala, che hanno lasciato una scia di morte e innumerevoli danni materiali. I governi sono stati inefficienti nell’affrontare i problemi delle persone, ma pronti a trarre profitto dai soldi che avrebbero dovuto essere assegnati alle vittime.

È stato l’anno della crescita della repressione dei governi di destra contro chi protesta contro tanta corruzione, chi soffoca i diritti dei lavoratori, gli abusi, la devastazione ambientale lasciata dai megaprogetti minerari, l’abbattimento e la distruzione delle foreste, l’estrattivismo agricolo, tentativi di privatizzare l’acqua,

E la fine dell’anno ci trova nella sala trucco di Washington, con il suo cambio di partito al governo, che non apre troppe speranze per la nostra regione, perché il potere continuerà a essere detenuto da Wall Street, dalle società tecnologiche della Silicon Valley e dal complesso militare-industriale: quell’uno per cento di miliardari.

Gli Stati Uniti continueranno a detenere il titolo di più grande potenza finanziaria e militare del mondo, proprietari degli oceani e dello spazio, ma è ovvio che la loro egemonia è in declino.

Il maquillage a Washington è chiaro, dice Katu Arconada: “un uomo di colore a capo del Pentagono, una donna che dirige la comunità dell’intelligence e un capo latino della Homeland Security”. Ma la politica rimarrà la stessa, forse con un po ‘di trucco nei casi del Venezuela e, soprattutto, di Cuba.

Possiamo dire all’inizio del 2021 che tutti i tempi passati sono stati migliori quando abbiamo già aggiunto più di 30 milioni di nuovi disoccupati nella regione? Ciò che ci resta è raddoppiare la nostra speranza nella lotta, nelle rivolte anti-neoliberiste e anti-patriarcali dei nostri popoli. Come dicono Los que iban cantando “il nostro cuore non vuole cantare più ritiri“.

Leggi anche LA SALUTE PER TUTTI? IL CONFLITTO TRA I GRUPPI SOCIALI DOMINANTI ED I DOMINATI E’ ORAMAI NETTO E FORTE. UNA NUOVA STORIA DI LIBERAZIONE

____________________________________

Aram Aharonian – Giornalista uruguaiano e esperto della comunicazione. Master in integrazione. Fondatore di Telesur. Presiede la Foundation for Latin American Integration (FILA) e dirige il Centro latinoamericano per l’analisi strategica (CLAE, www.estrategia.la) e susrysurtv.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *