Guerre e Armamenti, Pace e disarmo, Politica Internazionale

Afghanistan, attesa una svolta nei negoziati Usa-talebani

Feb 14 2020

di La Stampa

L’annuncio del presidente Ghani: «Notevoli progressi». In cambio del ritiro delle truppe Usa il gruppo estremista aprirà il dialogo con Kabul 

Alcuni soldati afghani pattugliano una strada dopo un attentato kamikaze a Kabul 

KABUL. Gli Stati Uniti e i talebani afghani, dopo oltre un anno di duri negoziati, sono più vicini a un accordo che preveda il ritiro delle migliaia di truppe Usa dall’Afghanistan. Lo annuncia il presidente afghano, Ashraf Ghani, che dopo essersi consultato col segretario di Stato Mike Pompeo, ha twittato «C’è un notevole progresso». La notizia era stata anticipata dalla Cnn, che citava fonti della Difesa statunitense.

In cambio del ritiro statunitense, che Donald Trump vorrebbe assicurare al più presto, i talebani, oltre a diminuire la violenza come condizione preliminare, dovrebbero fornire delle garanzie in termini di sicurezza e aprire un tavolo negoziale con il governo di Kabul. «Oggi ho ricevuto con piacere una chiamata del segretario di Stato Pompeo che mi informava dei notevoli progressi raggiunti nei negoziati, che continuano, con i talebani», ha scritto Ghani sul suo account di Twitter. Pompeo «mi ha riferito delle proposte dei talebani, che offrono una significativa e durevole riduzione della violenza».

Secondo una fonte della sicurezza pachistana, i negoziati riprenderanno oggi stesso a Doha, in Qatar. Il New York Times scrive che Trump ha dato il suo preventivo appoggio ad un accordo con i talebani per l’Afghanistan.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *