Cooperazione Internazionale e multilateralismo, COVID-19, Diritti Umani, diritti civili, giustizia sociale, Guerre e Armamenti, Pace e disarmo, Società Civile

Palestinesi e israeliani assieme per combattere il virus

Mar 29 2020

di Bruno PatiernoPeopleforplanet

Da Gaza un operatore umanitario che vuole restare anonimo scrive una testimonianza su liberation.fr

L’autore si firma su Liberation.fr con lo pseudonimo di Jwan Ghazal. Ha 35 anni, è operatore umanitario a Gaza e padre di quattro figli. Di seguito la traduzione di ampi stralci della sua testimonianza.

Photo by Dan Mayers

Il virus ha fermato il conflitto

Non avrei mai immaginato, tre mesi fa, che noi palestinesi e israeliani dovessimo fermarci nel nostro conflitto per un ospite microscopico. Da quando, il 5 marzo, è stata dichiarata la pandemia di coronavirus, sono stato sorpreso nel vedere gli sforzi colossali di coordinamento e collaborazione tra i due popoli al fine di rallentare la diffusione del virus. Anche se è mortale, spero che non uccida tanto quanto il nostro conflitto, che dura da generazioni.

Da più di 12 anni i palestinesi a Gaza sono sottoposti a un blocco imposto da Israele che invoca “minacce alla sicurezza”. Questo blocco paralizza la nostra vita quotidiana e frantuma i sogni di centinaia di migliaia di giovani. Questi giovani attendono la revoca del blocco senza sapere quando avverrà.

La sensazione di essere prigioniero

La situazione umanitaria a Gaza non ci consente di affrontare Covid-19, soprattutto quando vediamo che i paesi più sviluppati non sono ancora in grado di contenere questo virus. Il sistema sanitario di Gaza sta fallendo da anni e dipendiamo da Israele per i casi medici critici. Poiché la falda acquifera di Gaza è inquinata al 97%, non abbiamo accesso all’acqua potabile. Impossibile confinarsi in casa perché metà della popolazione riesce a malapena a vivere con lavori strani fuori casa che le permettono di nutrire l’altra metà. Otto abitanti di Gaza su dieci dipendono economicamente dagli aiuti umanitari.

Il mondo confinato, come essere un palestinese a Gaza

Per i residenti di Gaza è difficile immaginare che una parte del mondo sia attualmente confinata. Questo è un piccolo assaggio della punizione collettiva imposta a Gaza per anni. Per un periodo di tempo, il mondo intero sta scoprendo la sensazione di essere prigioniero e vedere le sue possibilità limitate. Come essere un palestinese a Gaza.

Il mondo e Gaza ora condividono destini simili. L’economia sta crollando e le persone più vulnerabili non possono essere curate a causa della carenza di forniture mediche. La sicurezza personale di tutti è minacciata. Mentre si stanno compiendo enormi sforzi per salvare l’economia mondiale e limitare gli effetti del coronavirus, a Gaza non si fa nulla per migliorare le condizioni di vita di due milioni di donne, bambini e uomini. Gaza è stata con un respiratore artificiale per anni: le Nazioni Unite hanno persino previsto che l’enclave palestinese sarebbe diventata invivibile nel 2020.

Pronti a rimanere uniti

Gaza ora ha i primi due casi ufficiali di coronavirus, due palestinesi di ritorno dal Pakistan messi in quarantena all’arrivo. Ancora una volta, viene fatto ogni sforzo per evitare il contagio. Ogni volta che sentiamo parlare di nuovi pazienti Covid-19 in Israele e in Cisgiordania, la nostra preoccupazione cresce. Stiamo monitorando attentamente il modo in cui Israele sta gestendo la pandemia e stiamo rafforzando la nostra preparazione, con i nostri mezzi modesti, per combattere il virus. A Gaza, volontari, ONG e imprese sono in allerta, pronti a rimanere uniti.

Palestinesi o israeliani, per il virus non c’è differenza

Palestinesi o israeliani, il coronavirus ci mette tutti su un piano di parità. A lui non importa chi sia stato il primo a sparare, che votassimo a destra o sinistra, delle nostre ideologie o delle nostre convinzioni. Siamo tutti vulnerabili. Siamo tutti esseri umani.

Per più di settant’anni abbiamo sofferto di un conflitto senza fine che ha provocato la morte di migliaia di persone e ha plasmato la vergognosa realtà in cui viviamo ogni giorno. Quando è stato raggiunto un accordo di pace nel 1993, palestinesi e israeliani speravano in un futuro migliore, in cui le violazioni dell’occupazione e dei diritti umani fossero un ricordo del passato. Ventisette anni dopo, nulla di tutto ciò è accaduto. Siamo tutti limitati, che ci piaccia o no.

Quando questo sarà finito…

Presto, quando il mondo avrà superato questa pandemia, saremo ancora uguali? Capiremo che le cose che ci uniscono sono molto più numerose di quelle che ci dividono? Ammetteremo che c’è abbastanza spazio su questo territorio per vivere insieme? Sono sopravvissuto a tre guerre a Gaza e spero di rimanere in vita abbastanza a lungo da testimoniare le nostre risposte a queste domande.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *