Ambiente e Clima, Diritti Umani, diritti civili, giustizia sociale, Politica Internazionale

Sei complessità di questo tempo di pandemia

Set 3 2020

di Vijay PrashadTheTricontinental

Reggimento di Staffordshire durante la Piaga, Hong Kong, 1894

I social media, nel marzo 2020, sono stati inondati di voci. Cigni e delfini potevano essere visti nei canali veneziani completamente deserti. Un gruppo di elefanti era entrato in un villaggio nello Yunnan (Cina), aveva bevuto vino di mais e si era addormentato in un giardino del tè. Con il Great Lockdown in corso, sembrava che gli animali avessero preso il controllo del pianeta mentre gli umani si nascondevano nelle nostre case. Ma a Venezia non c’erano cigni e delfini, né elefanti ubriachi. Questa era la finzione della noia, i trucchi di Photoshop.

Ad aprile, l’Organizzazione mondiale del commercio ha stimato che i volumi del commercio mondiale avrebbero potuto crollare di circa il 32%; i mercati sono caduti e il denaro ha cercato lidi sicuri, come l’oro. Le stime sono state troppo alte; l’OMC ha riferito a giugno che i volumi degli scambi sono diminuiti di circa il 3% nel primo trimestre e diminuiranno del 18,5% nel secondo trimestre; il commercio è gradualmente aumentato con l’apertura della Cina. Il sistema capitalista non è stato vittima della pandemia, né la natura si è riaffermata. Le classi dominanti hanno preso in prestito dal futuro per placare l’ansia; il commercio – pur registrando un forte calo – ha ripreso la sua attività. I ricchi obbligazionisti hanno costretto il Club di Parigi (creditori ufficiali) e il Club di Londra (creditori privati) a rifiutare qualsiasi sostanziale rinvio e cancellazione del debito dal Sud del mondo per garantire che le strutture di base della servitù del debito rimangano intatte. Le navi da guerra degli Stati Uniti hanno pattugliato in modo aggressivo i Caraibi, il Golfo Persico e il Mar Cinese Meridionale. In altre parole, la struttura complessiva dell’imperialismo è rimasta incrollabile.

Nel nostro studio CoronaShock and Socialismo, abbiamo indicato una marcata differenza nella gestione della pandemia da parte di paesi con governi borghesi e paesi con governi socialisti. Questi ultimi hanno un atteggiamento basato sulla scienza, del settore pubblico, dell’azione pubblica e dell’internazionalismo – come spiegato ulteriormente dai coautori Manolo de los Santos e Subin Dennis – il che ha significato che le aree del mondo governate dai socialisti hanno sperimentato meno catastrofe rispetto ai paesi dell’ordine borghese. Ecco perché è importante fare una campagna per il Premio Nobel per la Pace per la Brigata Medica Internazionale Henry Reeve di Cuba.

La pandemia ha prodotto shock significativi al sistema capitalista. Delle conseguenze, esamineremo sei complessità qui di seguito.

1- Un assalto all’umanità. Nella prima parte del Lockdown, metà della popolazione mondiale occupabile (1,6 miliardi su 3,3 miliardi di lavoratori) – tutti lavoratori informali – ha perso il 60% del proprio reddito (i lavoratori in Africa e nelle Americhe hanno registrato un calo dell’80%). Di conseguenza, il numero di persone che soffrono di insicurezza alimentare aumenterà da 149 milioni prima del COVID-19 a 270 milioni durante la pandemia; le Nazioni Unite avvertono che metà della popolazione mondiale lotta con la fame. A causa delle interruzioni nei servizi sanitari e nutrizionali, l’UNICEF afferma che circa 6.000 bambini potrebbero morire ogni giorno per cause prevenibili entro la fine dell’anno. Miliardi di persone sono diventate una popolazione in surplus, non necessaria per l’accumulazione di capitale. La pandemia ha acuito l’assalto all’umanità. C’è un urgente bisogno di soccorsi diretti per i disoccupati e gli affamati. La FAO dimostra che un trilione di dollari di cibo viene sprecato o perso, abbastanza per sfamare 2 miliardi di persone. Il fatto che gli affamati non abbiano soldi per il cibo, una realtà in un sistema di classe, è la causa principale della fame.

2 – La distruzione della piccola proprietà. Il capitalismo tende a estinguere il piccolo contadino e l’artigiano, travolti come sono dalle forze monopolistiche dell’agrobusiness e del capitale industriale. Prima della pandemia, il piccolo negoziante, il proprietario del ristorante e il piccolo imprenditore erano stati protetti per una serie di motivi. Durante la pandemia, questi piccoli proprietari sono stati spazzati via dal capitalismo delle piattaforme poiché il consumatore è stato addestrato ad acquistare dal web ed evitare le piccole imprese. L’Organizzazione Internazionale del Lavoro afferma che più di 436 milioni di imprese che operano nel commercio all’ingrosso e al dettaglio “affrontano alti rischi di gravi interruzioni”. Il passaggio al capitalismo delle piattaforme significa che queste imprese – che impiegano centinaia di milioni di persone in modo geograficamente disperso – saranno liquidate e le imprese delle piattaforme più produttive ed efficienti – che impiegano meno persone e in aree geograficamente concentrate – le supereranno .

3 – Il ripristino delle gerarchie di genere. L’ordine di restare a casa ha avuto un impatto sulla divisione del lavoro all’interno della famiglia, con rapporti diffusi sull’aumento degli oneri delle donne in relazione ai lavori domestici e alla cura dei bambini. Tutte le forme socializzate che hanno alleggerito questo lavoro – come l’istruzione pubblica, i centri per l’infanzia e i pasti consumati fuori casa – sono state annullate. L’approccio privo di fantasia all’istruzione – in cui le madri sono state costrette a contribuire a colmare il divario digitale – porterà a anni di istruzione persa e aumenterà la pressione sulle donne a rinunciare al loro lavoro per il lavoro riproduttivo. Le donne nell’economia dell’assistenza, inclusa quella sanitaria, riferiscono che le loro preoccupazioni per la mancanza di assistenza all’infanzia, la scarsa retribuzione per il lavoro di assistenza e la scarsa protezione per i lavoratori, così come i licenziamenti massicci e la carenza di personale nell’economia dell’assistenza, hanno aumentato la pressione sulle lavoratrici. Infine, il denunciato aumento della violenza contro le donne è una diretta conseguenza del Grande Blocco; non è stato adottato alcun quadro politico reale per affrontare questo problema. Tutto ciò rafforza le gerarchie di genere patriarcali.

4 – L’attacco alla democrazia. Sotto la copertura del Great Lockdown, i governi con impegni formali per la democrazia borghese hanno colto l’occasione per erodere i diritti fondamentali. In India, ad esempio, il governo ha revocato le protezioni sul lavoro e aumentato la giornata lavorativa; in Brasile e Sud Africa, vediamo prove di sfratti dei lavoratori e dei contadini più poveri dalle loro case. Dalla Bolivia alla Thailandia, assistiamo a colpi di stato santificati e elezioni ritardate. Continuano gli omicidi di attivisti politici dalla Colombia al Sud Africa e l’incarcerazione di dissidenti dall’India alla Palestina. Senza mettere completamente da parte le istituzioni democratiche, questi governi soffocano i processi democratici usando le istituzioni democratiche.

5 – L’uso della crisi ambientale per salvare il capitalismo. Anche se la pandemia suggerisce la necessità di ripensare alle distruttive relazioni capitaliste, che hanno danneggiato il metabolismo che mantiene l’equilibrio tra esseri umani e natura, c’è stato un meccanismo per ridurre la “crisi ambientale” a “cambiamento climatico” e per offrire “verde” capitalismo “o – per essere più precisi – il” Green New Deal “come salvezza alla crisi. Questo Green New Deal è semplicemente l’uso di denaro pubblico per sottoscrivere la transizione delle aziende energetiche private dal carbonio ai combustibili rinnovabili senza preoccuparsi per i minatori di cobalto, litio e altri minerali necessari per le batterie e gli schermi della tecnologia verde. È necessario far avanzare il dibattito sulla crisi ambientale introducendo le questioni più ampie della riforma agraria, il trasferimento degli asset produttivi al settore pubblico e un dibattito più approfondito sulla transizione energetica. I calcoli suggeriscono che il capitalismo richiede qualcosa come il 3% di crescita per il normale funzionamento, il che significa che la dimensione dell’economia globale deve raddoppiare ogni 25 anni. Il pianeta non può sostenere una crescita così esponenziale.

6 – L’uso della crisi per attaccare la Cina. La più profonda aggressione del governo statunitense nei confronti della Cina ha aperto una nuova serie di sfide per il mondo. Quella che era iniziata come una disputa commerciale negli anni ’90 si è ora intensificata in ciò che può essere descritto solo come gli Stati Uniti che lanciano una sfida esistenziale contro la Cina. Questa minaccia contro la Cina da parte della totalità della classe dirigente statunitense non è fatta per ragioni irrazionali ma per ragioni perfettamente razionali: in primo luogo, che gli Stati Uniti vedono correttamente che l’economia cinese sta lentamente diventando la più grande del mondo, e in secondo luogo, che le varie strategie di guerra ibride per indebolire o rovesciare il governo cinese semplicemente non sono sufficienti per impedire alla Cina di eclissare l’attuale roccaforte degli Stati Uniti sull’ordine mondiale. L’unico mezzo a disposizione dell’imperialismo statunitense è la forza armata. A corto di azioni armate, che è una vera minaccia, gli Stati Uniti stanno tentando di minare il ruolo della Cina nell’economia mondiale; questo sarà molto difficile da realizzare, sebbene la classe dirigente statunitense capisca che sarebbe disposta a subire interruzioni a breve termine per l’egemonia a lungo termine. È necessario opporsi a una nuova guerra fredda e unirsi al movimento attorno alla dichiarazione proposta dalla piattaforma No Cold War.

Nonostante la pericolosa incompetenza dei governi borghesi, la loro legittimità non si è automaticamente erosa. Rimangono al potere e sembrano pronti ad aumentare la loro autorità.

Tra gli arrestati c’è Varavara Rao, il poeta comunista indiano, che ora sta male in prigione. Nel 1990 immaginava l’arresto di un comunista come lui nella sua poesia “L’altro giorno”, i cui versi suggeriscono l’ingiustizia del sistema che sminuisce la nostra umanità,

Proprietà
Frattura il mondo umano
In custodi e criminali.

È molto meglio essere un criminale in questo mondo che essere un custode della disumanità.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *