Cooperazione Internazionale e multilateralismo, Pace e disarmo, Politica Internazionale

Donald Trump ha detto che “tra 7 e 9” altri paesi arabi potrebbero firmare accordi diplomatici con Israele

Set 18 2020

di INFOBAE

Tra gli stati che seguiranno le orme degli Emirati Arabi Uniti e del Bahrain ci sono Oman, Qatar, Kuwait, Marocco, Mauritania e Sudan

Il ministro degli Esteri del Bahrein Abdullatif Al Zayani, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti Abdullah bin Zayed sul balcone della Casa Bianca dopo la firma di accordi diplomatici con Israele. REUTERS / Tom Brenner

Israele è riuscita a firmare due accordi di pace e normalizzazione delle relazioni diplomatiche con Emirati Arabi Uniti e Bahrein, in un episodio che segna un traguardo raggiunto dal primo ministro Benjamin Netanyahu e dal presidente Usa Donald Trump, main sponsor dei riavvicinamenti. In questo modo Egitto e Giordania si uniscono al gruppo dei paesi arabi che hanno firmato accordi con lo Stato ebraico.

Alla cerimonia di firma di questi accordi tenutasi martedì alla Casa Bianca, Trump ha affermato che “altri cinque o sei paesi” stabiliranno presto relazioni diplomatiche con Israele. Ha poi affermato che la cifra è compresa tra 7 e 9. “Abbiamo molte nazioni pronte a seguire” le orme degli Emirati e del Bahrein e normalizzare i loro legami con Israele, ha detto Trump durante un incontro bilaterale con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

“Siamo ad ottimo punto (per chiudere questi accordi) con altri cinque paesi”, ha aggiunto il presidente, anche se senza fornire ulteriori dettagli.

Inoltre, il mese scorso in Israele, il capo della diplomazia statunitense Mike Pompeo era “ottimista” con l’idea che “altri paesi arabi” avrebbero normalizzato i loro rapporti con lo Stato ebraico, a seguito della decisione degli Emirati, annunciata il 13 Agosto.

Prima dei due paesi del Golfo, l’Egitto e la Giordania stabilirono relazioni ufficiali con Israele, rispettivamente nel 1979 e nel 1994.

Ma quali potrebbero essere questi altri paesi?

L’Oman ha accolto rapidamente l’accordo israelo-emiratino. Ma poi ha ribadito il suo attaccamento al “diritto” dei palestinesi di avere uno “stato con Gerusalemme est come capitale”.

Più vicino agli Stati Uniti quanto all’Iran, nemico di Washington, l’Oman ha giocato la carta della neutralità e della mediazione nei conflitti regionali.

Nel 2018, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha fatto visita a Muscat, la capitale dell’Oman.

Il sultano Haitham, succeduto al compianto Qabus lo scorso gennaio, “non rischierebbe una svolta così controversa per ora”, ha detto Cinzia Bianco, ricercatrice presso il Consiglio europeo per le relazioni internazionali.

Il Qatar, vicino all’Iran e diplomaticamente distante dagli Emirati, non ha reagito all’accordo di normalizzazione con Israele. Il Qatar ha ospitato un ufficio commerciale israeliano dal 1996 al 2000 e non nasconde i suoi contatti con lo stato ebraico.

Abdullatif Al Zayani, Benjamin Netanyahu, Donald Trump y Abdullah bin Zayed. REUTERS/Tom Brenner

È coinvolto nella Striscia di Gaza a causa della sua vicinanza al movimento islamista palestinese Hamas, che controlla questa enclave sotto il blocco israeliano.

Nel 2019 il Qatar, così come l’Onu e l’Egitto, hanno favorito una tregua tra Israele e Hamas, prevedendo l’autorizzazione da parte dello Stato ebraico all’ingresso di aiuti finanziari dal Qatar alla Striscia di Gaza.

Alleato degli Stati Uniti, il Kuwait ha sempre rifiutato la normalizzazione. Gruppi politici o organizzazioni della società civile hanno denunciato l’accordo tra Emirati Arabi Uniti e Israele, ma altri lo hanno difeso.

Tuttavia, la normalizzazione con lo stato ebraico è improbabile poiché il Parlamento “capitalizza l’ostilità con Israele per rivendicare il suo posto di portavoce del popolo”, dice Bianco.

Il Sudan è stato citato dagli analisti come il possibile prossimo paese a seguire l’esempio degli Emirati, ma il 25 agosto, nel quadro di una visita a Khartoum di Pompeo, le autorità di quel paese hanno deluso le speranze di Israele e degli Stati Uniti escludendo una eventuale normalizzazione con Israele prima della fine della transizione politica nel 2022.

A febbraio Netanyahu aveva incontrato in Uganda Abdel Fattah al-Burhane, capo del Consiglio sovrano al potere in Sudan. Il governo sudanese ha negato che la questione della “normalizzazione” fosse stata affrontata.

Il Sudan, in crisi economica, è sulla lista nera degli Stati Uniti dei paesi che sostengono il terrorismo e una normalizzazione con Israele potrebbe aiutare la sua rimozione da quella lista.

L’Arabia Saudita ha escluso una normalizzazione delle relazioni bilaterali prima che venga raggiunto un accordo di pace tra Israele e Palestinesi.

Tuttavia, durante colloqui bilaterali separati con il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti Abdullah bin Zayed Al-Nahyan, Trump ha lasciato intendere che l’Arabia Saudita potrebbe essere a bordo senza specificarlo.

“Abbiamo avuto ottimi colloqui con l’Arabia Saudita. Penso che la loro mente sia molto aperta “, ha detto Trump.

Informazioni da AFP ed EFE

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *