Cooperazione Internazionale e multilateralismo, COVID-19, Diritti Umani, diritti civili, giustizia sociale, Società Civile

Lettera aperta al Presidente del Parlamento europeo

Apr 7 2021
Agorà degli abitabti della terra

David Maria SASSOLI
President@ep.europa.eu   david.sassoli@ep.europa.eu

e ai/alle Presidenti dei gruppi parlamentari del PE

Manfred WEBER
Présidente, PPE
Manfred.weber@ep.europa.eu

Iratxe GARCÍA PÉREZ
Présidente, AP-S&D
Iratxe.garcia-perez@ep.europa.eu

Dacian CIOLOŞ
Présidente, Renew Europe
Dacian.ciolos@ep.europa.eu

Marco ZANNI
Présidente, Identité et démocratie
Marco.zanni@ep.europa.eu

Ska KELLER
Co-Présidente, Verdi/ALE
Ska.keller@ep.europa.eu
Philippe LAMBERTS
Co-Présidente, Verdi.ALE
Philippe.lamberts@ep.europa.eu

Raffaele FITTO
Co-président, CRE
Raffaele.fitto@ep.europa.eu
Ryszard Antoni LEGUTKO
Co-président,CRE

Ryszardantoni.legutko@ep.europa.eu

Martin SCHIRDEWAN
Co-présidente, GUE

Martin.schirdewan@ep.europa.eu

Manon AUBRY
Co-présidente, GUE Manon.aubry@ep.europa.eu

Un’Unione Europea della Salute per il Diritto Universale, il Bene Pubblico Comune, la Giustizia e la Fraternità.

Signor Presidente del Parlamento europeo,

Signore e signori, presidenti dei gruppi parlamentari 

Il Parlamento europeo ha approvato la creazione di un’Unione Europea della Salute – UES (EU4Health) proposta dalla Commissione Europea nel quadro del programma settennale 2021-2027 ed entrata in vigore il 26 marzo scorso.

https://ec.europa.eu/info/strategy/priorities-2019-2024/promoting-our-european-way-life/european-health-union_it

La dotazione di 9,4 miliardi non è grande come percentuale del bilancio dell’UE (1,1 trilioni per i sette anni), ma mostra un significativo impegno politico dell’UE per gli anni a venire. L’UES è un’idea importante nella prospettiva a) della realizzazione del diritto universale alla salute, nella giustizia, b) della salvaguardia della salute come bene pubblico globale e c) della effettiva solidarietà e fratellanza globale tra tutti gli abitanti della Terra.  Nell’attuale contesto di rivalità economica, di accaparramento dei vaccini da parte dei più ricchi, di ingiustizia e di guerra, non c’è salute nel mondo.

Signor Presidente, crediamo che il Parlamento europeo abbia un ruolo decisivo, importante e degno da svolgere nella realizzazione dell’Unione Europea della Salute. Perché il neonato è segnato da certi difetti “genetici” sui quali vorremmo attirare la Sua attenzione e quella dei Suoi  colleghi, e Le chiediamo di intervenire subito. Sono i seguenti:

  • Una profonda inversione di valori
  • L’approccio economico e di accesso equo alla salute non è la risposta giusta
  • La strategia farmaceutica centrata sul brevetto è una sconfitta della “res publica”, del bene comune, della giustizia
  • La sovranità del popolo in rapido declino
  • la deriva intergovernativa e internazionale del processo di costruzione europea.
  • Una profonda inversione di valori

Il testo fondatore dell’Unione Europea della Salute parte dal principio che “la

salute è una condizione necessaria ed essenziale per la crescita economica“. Non si fa menzione del principio fondante di ogni politica sanitaria, cioè il diritto universale alla salute.  La salute ha un valore in sé. Per essere legittimo, non ha bisogno di essere uno strumento al servizio di altri fini dati come superiori, perché è la vita, simboleggia la vita. Aggiungere il colore “verde”, non cambia  la realtà, non è sufficiente.

Più di 30 anni fa, questa profonda inversione di valori era già stata fatta in relazione allo “sviluppo sostenibile”. Il concetto di SD è stato elaborato e proposto come un’alternativa, in opposizione,  vuoi in rivolta ,contro lo sviluppo distruttivo della natura e la devastazione delle relazioni umane e dei diritti umani in tutto il mondo (al di là di alcuni progressi territoriali settoriali e locali). Tuttavia, l’opposizione del mondo economico e finanziario dell’epoca allo sviluppo sostenibile, così come quella di alcuni Stati potenti, ha fatto sì che il famoso rapporto Brundtland (“Our Common Future“, 1987) della Commissione internazionale delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile non sia mai stato formalmente approvato dall’ONU. Inoltre, l’ONU è stata autorizzzata a distribuirlo come documento analitico solo dopo un compromesso imposto che consisteva nell’affermare nell’introduzione del rapporto che “lo sviluppo sostenibile è una condizione necessaria e importante per la crescita economica“! Sappiamo cosa è diventato lo sviluppo sostenibile in questo contesto. I disastri ambientali e climatici si sono aggravati di pari passo con la “crescita economica globale”. Tanto che il mondo scientifico ritiene ormai che la pandemia di Covid-19 sia, tra l’altro, legata alla rottura delle “frontiere” tra le specie viventi della Terra causata dal nostro “sviluppo economico globale”. È inconcepibile, signor Presidente, permettere che la salute sia vittima della stessa inversione di valori.

  • L’approccio di un accesso equo e a prezzo abbordabile alla salute non è la risposta giusta.

Poiché il diritto alla salute è omesso,  l’Unione Europea della Salute dà la priorità all'”accesso per tutti all’assistenza sanitaria su una base equa e abbordabile“. Questo principio è in linea con il pensiero che si è affermato fin dagli anni 90 e che si trova alla base dell’Agenda Globale dell’ONU 2000-2015 “Obiettivi di Sviluppo del Millennio” e riutilizzato per l’Agenda 2015-2030 “Obiettivi di Sviluppo Sostenibile”). Indipendentemente dall’obiettivo, entrambe le agende raramente parlano di diritti universali ma insistono sistematicamente su un accesso equo e abbordabile. Questo è ancora il caso della ” Risposta globale al Coronavirus “ lanciata nel marzo 2020 nel quadro del G2O con l’accordo  dell’OMS ed il sostegno dell’UE e di altri paesi” ricchi”del mondo . Le dichiarazioni del presidente dell’UE al lancio della “Risposta” non lasciano spazio ad ambiguità: “Dobbiamo sviluppare un vaccino, produrlo e distribuirlo in tutto il mondo. E dobbiamo renderlo accessibile“. Cfr. “Risposta globale al coronavirus: l’UE chiede donazioni”

Un accesso equo e conveniente alla salute non significa garantire il diritto universale alla salute. L’obiettivo di un accesso equo non implica il livellamento delle differenze di salute tra gli individui, e non tutte le disuguaglianze sono necessariamente percepite come ingiuste! C’è una differenza tra equità e giustizia. Le disuguaglianze di reddito e di potere d’acquisto non sono messe in discussione di fronte al diritto alla salute. L’unica cosa che i poteri pubblici chiedono alle imprese e al mercato  è che il prezzo non sia escludente. Come sappiamo, cio’ accade regolarmente e cosi cresce il  numero  di persone che smettono di ricevere assistenza sanitaria,  non si curano lpiù  o non la ricevono affatto a causa del prezzo dei farmaci e dei servizi medici .

L’accesso a prezzi abbordabili significa che nessuno può avere accesso ai trattamenti e ai vaccini contro la pandemia a meno che non paghi un prezzo fissato dalle aziende che detengono il brevetto. Non importa se il prezzo è pagato dall’utente/cliente o, per lui, da altri soggetti (autorità pubbliche, organizzazioni sociali e caritatevoli).

Signor Presidente, l’accesso all’assistenza sanitaria per tutti in modo equo e abbordabile è una mistificazione sistemica. Per 30 anni, questo approccio non ha mai permesso di ridurre le disuguaglianze e di eliminare le ingiustizie in materia di diritti umani e sociali (salute, acqua, cibo, alloggio, istruzione, ecc.). Può il Parlamento europeo approvare una tale mistificazione?

  • La strategia farmaceutica centrata sui brevetti è una sconfitta della “res publica”, del bene comune, della giustizia.

Il pilastro centrale dell’Unione Europea della Salute si basa sulla strategia farmaceutica, cioè la capacità dell’UE di produrre, utilizzare e commercializzare tutti gli strumenti legati alla salute (test/diagnostici, farmaci, vaccini, ecc.) con l’obiettivo di salvaguardare e promuovere l’innovazione tecnologica e la competitività dell’economia europea sui mercati mondiali. In questa prospettiva, un ruolo chiave è svolto dai brevetti (diritti di proprietà intellettuale privata), che concedono alle aziende il diritto di proprietà e di uso esclusivo per 17-20 anni delle conoscenze incorporate nei prodotti medici. Così, grazie a più di 60.000 brevetti sulla vita (e, in quantità simile, nel campo dell’intelligenza artificiale) tutte le forme di vita sono cadute sotto il controllo di “signori della vita” privati. 

Non è un caso che l’Unione Europea della Salute si concentri anche sulla priorità data alla digitalizzazione dell’economia, in particolare delle industrie e dei servizi sanitari nazionali. La digitalizzazione amplifica i processi di commercializzazione e privatizzazione della salute. 

In questo contesto, la politica sanitaria dell’UES è bloccata in un quadro vincolante che dà la priorità alla crescita e al potere tecno-economico per la conquista dei mercati globali e del ritorno finanziario. Questo è il vero significato delle molteplici forme di lotta per i brevetti e l’accesso ai vaccini etichettate come “nazionalismi vaccinali”. La salute è stata trasformata in un campo di “guerre economiche” e rivalità politiche anche all’interno dell’UE. Non parliamo dell’inasprimento dei conflitti tra Stati Uniti e Cina, UE e Cina e, domani, probabilmente tra USA e UE. Per il momento, gli Stati Uniti considerano qualsiasi paese che non sia un alleato/sottomesso come un nemico sistematico. Da parte sua, la presidente della Commissione europea ha detto pochi giorni fa che la Cina è un nemico sistematico dell’Europa.

Se ci pensate, la strategia farmaceutica incentrata sui brevetti è contraddittoria e perdente per l’Europa. Trasferisce il vero potere decisionale nel campo della salute alle società che detengono i brevetti a livello mondiale (una decina in tutto il mondo). Lungi dal salvaguardare l’autonomia/indipendenza dell’UE, la “strategia farmaceutica” ha gettato gli Stati dell’UE nelle braccia delle  Big Pharma, che rispondono prima di tutto alle esigenze dei loro mercati e agli interessi dei loro investitori. Ricordiamo le dichiarazioni in questo senso fatte dal CEO di Sanofi lo scorso maggio, alle quali il presidente francese Macron ha potuto solo mostrare irritazione senza effetto!

I brevetti sulla vita imprigionano gli Stati. Sono il lucchetto a qualsiasi visione e politica pubblica della salute e il mezzo più potente per impedire la diffusione della ricerca e della conoscenza, così come l’accessibilità dei vaccini nella giustizia e nella solidarietà. Il sistema Covax rimane uno strumento finanziario strutturalmente inadeguato. Inoltre, mantiene la presunta legittimità del dominio dei paesi ricchi, che forniscono aiuti e assistenza, sui paesi poveri, che, per di più, devono dimostrare la loro ammissibilità agli aiuti! Che mistificazione se si considera che i paesi ricchi stanno, inoltre, rifiutando con forza e ostinazione la richiesta di più di 100 paesi “poveri” di sospendere temporaneamente le regole sui brevetti. Che cinica ipocrisia!

I brevetti sono il problema, non la soluzione. Signor Presidente, i brevetti devono essere aboliti senza indugio, anche in nome dei valori fondamentali di giustizia e fraternità. Il mantenimento dei brevetti sarà giudicato in un futuro non troppo lontano come un crimine contro l’umanità, perché la salute è un bene pubblico globale.

  • La sovranità del popolo in rapido declino

L’Unione Europea della Salute non sembra preoccuparsi molto della perdita di sovranità del popolo in materia di politica della salute. Dov’è la sovranità del popolo, anche del popolo europeo, in termini di politiche tecnologiche, economiche, sociali e culturali relative alla salute? 

Come Lei sa, Signor Presidente,  i cittadini europei si sono mobilitati dallo scorso novembre a favore dell’Iniziativa dei cittadini europei-ICE “Right2Cure”. Siamo una delle organizzazioni che partecipano attivamente all’ICE e siamo impegnati nella raccolta del milione di firme necessarie affinché le proposte siano prese in considerazione dalla Commissione Europea. Tuttavia, alla luce di ciò che è oggi l’Unione Europea della Salute, c’è il grande rischio che, se l’ICE avrà successo, la Commissione risponderà che è già impegnata nelle misure necessarie e indispensabili per garantire a tutti gli europei un accesso concreto alle cure sanitarie! Questo è quello che è successo all’ICE per il diritto all’acqua e all’acqua come bene comune, rendendo “inutile” la volontà chiaramente espressa da più di un milione di cittadini a favore dell’acqua come diritto umano e bene pubblico.

Chiediamo, signor Presidente, che il Parlamento europeo prenda ora le misure di cui dispone per evitare che questa spiacevole esperienza si ripeta nel campo della salute.  È in gioco anche la credibilità della democrazia effettiva all’interno dell’Unione, che è già stata gravemente scossa.

  • La deriva intergovernativa e internazionale del processo di costruzione europea

Nel rispetto dei trattati dell’Unione, che stabiliscono che, nel campo della salute, la competenza primaria spetta agli Stati, l’Unione europea della salute si limita a parlare di politica sanitaria dell’UE in termini di promozione e miglioramento del coordinamento delle politiche nazionali con l’obiettivo di facilitare e aumentare la loro efficacia e i risultati nell’interesse di tutti gli Stati membri.  In concreto, l’ESCU esclude qualsiasi tentativo di andare verso l’attuazione di una politica sanitaria comune europea. Tuttavia, l’aggravarsi della crisi sanitaria globale sta spingendo fortemente verso una maggiore integrazione delle politiche e delle risorse a livello europeo e mondiale per affrontare le sfide e i problemi che non conoscono confini. Rimanendo all’interno del quadro intergovernativo e internazionale chiaramente inadeguato e conflittuale, l’UES alimenterà le divisioni, la frammentazione e il conflitto in nome del “me first”. Sarà difficile evitare una situazione di turbolenza permanente dettata da egoismo, ipocrisia e cinismo.

Inoltre, l’UE sta già avendo grandi difficoltà a mantenere il suo impegno iniziale “Nessuno sarà lasciato indietro” a livello europeo e, soprattutto, globale. La tendenza all’intergovernativismo di sovranità rivali, specialmente in aree umane e sociali importanti come la salute, nel quadro di un’economia di mercato capitalista globalizzata, porterà alla scomparsa “politica” dell’Europa-comunità.   Il numero delle centinaia di milioni di esseri umani che sono già abbandonati in tutto il mondo, anche a causa delle misure adottate dall’UE, non farà che aumentare. Evitabile? Sì, se vogliamo che lo sia.

Signor Presidente, Signore e signori presidenti dei gruppi parlamentari, vi ringraziamo per l’attenzione che darete alla nostra lettera.

Confidando nell’importante ruolo del Parlamento europeo a favore del diritto alla salute per tutti, vi chiediamo di accettare l’espressione dei nostri migliori e più rispettosi sentimenti.

L’Agorà degli Abitanti della Terra

Membri provenieni da Argentina,  Belgio,  Brasile, Bulgaria, Burbina Faso, Cameroun, Canada-Quebec, Cile, Francia, Germania, India, Italia, Montenegro, Portogallo,  Senegal, Svizzera, Venezuela

Nominativi e contatti: https://agora-humanite.org/

👉 Aderisci alla Iniziativa Cittadina europea “Right 2 cure” cliccando qui 👈

Leggi anche LA POLITICA DELLA SALUTE E LA SOVRANITA’ DEL POPOLO

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *