Cooperazione Internazionale e multilateralismo, COVID-19, Diritti Umani, diritti civili, giustizia sociale

VACCINI, PREVARRÀ LA PROPRIETÀ PRIVATA E LA SUPREMAZIA AMERICANA O IL DIRITTO ALLA VITA DEI POPOLI ?

Mag 5 2021

Cosa succederebbe se Biden scegliesse la coerenza e consentisse la sospensione almeno temporanea dei brevetti dei vaccini, ricorrendo al potere eccezionale dello stato, alias “licenza obbligatoria”?

Vaccini - Biden

di Riccardo Petrella*

Consentirà l’imperatore USA la sospensione dei brevetti dei vaccini oppure prevarranno il principio della proprietà privata della vita a scopo di  lucro e la difesa della predominanza americana?

C’è speranza?

Ci si chiede:  quale influenza avrà sulle discussioni del 5 e 6 maggio a livello del consiglio generale del WTO la recente decisione del Canada, d’Israele e del Senato del Brasile (quest’ultimo addirittura contro la volontà di Bolsonaro) di approvare il ricorso alla “licenza obbligatoria”, cioè il potere eccezionale dello Stato, secondo l’art.31 dei trattati WTO Trips, di consentire  la produzione locale dei vaccini in circolazione contro il Covid-19 senza l’autorizzazione dei detentori dei brevetti? (1)

In particolare, inciterà il presidente USA Biden a prendere posizione in favore della sospensione dei brevetti? E come peserà  l’aggravarsi drammatica della pandemia in India? Il fatto “aritmetico” che i numeri dei morti indiani resta (secondo una visione insopportabile)  “insignificante” (!?) su una popolazione di 1,4 miliardi di persone, condurrà i poteri economici  e finanziari forti dello Stato più potente al mondo a mantenere la loro arrogante opposizione alla sospensione provvisoria?

Forti dubbi

E’ molto probabile che Biden cercherà di  adottare una posizione  che eviterà  sopratutto di cambiare il principio “sacrosanto” (!?)  del diritto di proprietà privata sul vivente senza mettere in crisi la supremazia mondiale dell’industria farmaceutica USA ed inimicarsi  l’intero mondo del business e della finanza americana (ed anche europea) (2).

Strategia su due campi

A tal fine, potrà giocare una strategia  su due campi:

Il primo: aumentare considerevolmente  le dotazioni finanziarie dello strumento COVAX per accelerare ed espandere la quantità di dosi trasferite ai 92 paesi a basso reddito, beninteso, con i soldi pubblici dei paesi ricchi e “l’aiuto” di  alcune grandi fondazioni  “filantropiche” alla maniera della Fondazione Gates.

• Il secondo: accelerare ed rendere efficiente l’insieme della logistica di produzione locale e di distribuzione/commercializzazione dei vaccini  attraverso una maggiore cooperazione industriale tra le imprese multinazionali e le loro filiali e sotto-appaltatrici, le imprese di trasporto marittimo, aereo e su strada, il rafforzamento della digitalizzazione dei sistemi sanitari e delle strutture pubbliche locali (centri di vaccinazione, mobilitazione delle istituzioni pubbliche e delle associazioni della società civile impegnate nell’”aiuto allo sviluppo” e nella lotta contro la povertà…). Gli investimenti massicci nella logistica e nella digitalizzazione anche dei paesi  poveri  presenterebbero un interesse certo per i mercati finanziari dei paesi sviluppati e perpetuerebbero  la dominanza tecnologica ed  economica dei paesi del “Nord”, favorendo nello stesso tempo l’arricchimento delle ristrette oligarchie locali del “Sud”.

Se Biden scegliesse la coerenza

Due campi d’intervento che dimostrerebbero che il presidente degli USA avrebbe accolto “il grido dei disperati del mondo”, avrebbe ripreso la leadership mondiale della lotta per lo sviluppo, il benessere della gente, l’aiuto contro la povertà  secondo equità e salvaguardando anche il principio caro ai paesi ricchi dominanti  dell’accesso a prezzo abbordabile ai beni “economici” essenziali per la vita.

Facendo una scelta che sarà propagandata come ispirata da finalità “umanitarie” e “solidaristiche” (il mondo cristiano e cattolico cosi come quello progressista laico ne sarebbero, in maggioranza, facilmente attirati) e bene accolta dai sostenitori del capitalismo “buono”, della responsabilità sociale delle imprese, dell’’intervento pubblico in sostegno dell’economia sociale di mercato. Ciò facendo, resterebbe in coerenza con quanto affermato in un documento pubblico del governo americano il 31 marzo 2021:

The Biden Administration is also committed to advancing global health security to save lives, promote economic recovery, and develop resilience against future global pandemics or crises. It looks forward to working with trading partners to collaborate on initiatives to address the global health and humanitarian response”. (3)

Biden non creerebbe nessuna ulteriore divisione in seno alla società americana. Avrebbe anche il pieno sostegno dell’UE che da sempre si è  ferocemente opposta alla sospensione provvisoria dei brevetti.

Questa scelta non cambierebbe nulla a livello di sistema lasciando intatti i fattori ed i processi strutturali che sono all’origine  delle grandi crisi ambientali, sociali, umane ed economiche attuali.

Ultima speranza? Mi auguro con piacere di sbagliarmi.


NOTE:

(1)Nel passato, il Brasile e la Tailandia hanno adottato la licenza obbligatoria in sei casi.  Lo stesso dicasi per alcuni paesi a basso reddito

(2) Fra le 15 principali imprese farmaceutiche al mondo  8 sono USA, 2 CH, 2 UK, 2 EU, 1 J. www-fiercepharma-com.translate.goog/special-report/top-20-pharma-companies-by-2019-revenue

(3) Cfr Online PDF 2021 Trade Policy Agenda and 2020 Annual Report.pdf, p.15

*Riccardo Petrella: Professore emerito dell’Università Cattolica di Lovanio, Agorà degli abitanti  della Terra, membro del Comitato nazionale italiano dell’Iniziativa Cittadina Europea “Right2Cure”.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *