COVID-19, Diritti Umani, diritti civili, giustizia sociale, Società Civile

Un’Agenda per il Cambiamento. Diritti universali e beni Pubblici Globali

Set 11 2020

Allegato alla Lettera al Segretario Generale delle Nazioni Unite su COVID-19, Sanità e Beni Pubblici Globali Messaggio a nome di Agorà degli Abitanti della Terra

Gentile Segretario Generale,

Stiamo scrivendo per conto di “Agorà”, una rete mondiale di cittadini impegnati a promuovere le questioni globali di salute, acqua e cibo (1). Con questo testo abbiamo l’onore di portare alla Sua cortese attenzione alcune riflessioni specifiche e una proposta aggiuntiva all’appello di Agorà alla comunità internazionale a riunirsi attorno al concetto di beni pubblici globali, nell’affrontare la crisi globale senza precedenti e le sfide provocate dalla Pandemia di covid19.

• I diritti umani sono al centro della ripresa

Con profondo apprezzamento per la Sua leadership e i Suoi sforzi sin dall’inizio della pandemia, chiediamo il Suo sostegno per mobilitare le risposte alla crisi, che sono radicate nei diritti umani universali sanciti dalle Nazioni Unite, le quali affrontano le loro missioni sanitaria, socio-economica e per la sicurezza in modo integrato.

La pandemia ha messo in luce nel modo più netto possibile le disuguaglianze e le ingiustizie che caratterizzano le relazioni umane e politiche nel mondo di oggi. Condividiamo pienamente la Sua opinione secondo cui affrontare di petto queste condizioni, queste violazioni dei diritti umani profondamente radicate, dovrebbe essere al centro della ripresa. Le realtà che stiamo fronteggiando oggi rendono tempestivo e urgente ciò che può essere apparso fino ad ora irrealistico o addirittura un’utopia.

In effetti la pandemia sta dimostrando che, finché continueranno a esistere forti disuguaglianze nell’accesso ai beni di salute pubblica, nessuno – ricco o povero – sarà al sicuro e nessuno può essere sicuro di essere risparmiato. Nessun paese può sperare di avere successo da solo, motivo per cui i governi, ovunque, devono agire insieme senza indugio in uno spirito di stretta collaborazione nell’interesse di tutti gli abitanti della Terra. Dobbiamo entrare nell’era del “mondo dei beni pubblici globali”.

(1) L’Agorà degli abitanti della Terra è un’associazione di cittadini creata nel 2018 da centinaia di persone provenienti da Europa, America Latina, Africa e Asia. Il suo obiettivo è contribuire al riconoscimento dell’umanità come soggetto politico e istituzionale e attore chiave nella regolamentazione basata sulla cooperazione e sulla solidarietà della comunità di vita globale della Terra. Per maggiori informazioni: http://audacia-umanita.blogspot.com/search/label/lingua%20italiana

• Beni pubblici globali: un’agenda per un nuovo contratto sociale mondiale

Crediamo fermamente che il concetto di beni pubblici globali sia un concetto intorno al quale la comunità internazionale può mobilitare e costruire un rinnovato senso di scopo comune.

Siamo incoraggiati dalle posizioni che Lei ha assunto personalmente chiedendo un nuovo contratto sociale e una nuova generazione di politiche di protezione sociale e reti di sicurezza, compresa la copertura sanitaria universale. Siamo stati anche lieti di vedere che il discorso internazionale alle Nazioni Unite, incluso il Consiglio di Sicurezza e l’Assemblea Generale, richiede sempre più una maggiore attenzione ai beni pubblici globali come parte integrante dello sforzo per dare alle Nazioni Unite un senso rinnovato e più inclusivo della loro missione, in occasione del loro 75 ° anniversario.

L’approccio al concetto di beni pubblici globali esposto nella lettera è guidato da una visione della politica e della società che lega noi membri di “Agorà”. Ma il concetto è ancorato al principio universale del diritto alla vita e ai diritti politici, economici, sociali e culturali concordati a livello internazionale. Dovrebbe essere utilizzato come uno strumento indispensabile per realizzare l’impegno a non lasciare indietro nessuno, sottoscritto da tutti i governi nell’Agenda 2030, ed evitare che tale impegno rimanga una semplice dichiarazione.

Riteniamo che la nozione di res publica, o bene pubblico globale, fornisca il principio di base per inquadrare la risposta della comunità internazionale alla crisi COVID-19 e anche alle sfide sanitarie globali in futuro, e offre una via d’uscita dal vicolo cieco della situazione in cui ci troviamo. Offre anche una base per superare l’ormai radicata e risoluta dipendenza ideologica dai mercati finanziari e dalle società private, tutte nel Nord.

Il principio dell’accesso universale, anzi del libero accesso, come diritto, a un vaccino COViD-19 sta unendo sempre più persone in tutto il mondo. Dovrebbe essere lo strumento di base per rendere operativi i diritti umani attraverso le attuali divisioni e ripristinare la fiducia, il contratto sociale tra i cittadini e lo Stato e una vera democrazia basata sulla partecipazione di tutti.

• La sfida per la scienza e la tecnologia. Oltre la mercificazione, la privatizzazione e la militarizzazione

 Molto resta da fare per liberare le nostre società dalla mercificazione, privatizzazione e militarizzazione della vita secondo una concezione e una incombente visione utilitaristica e competitiva della scienza e della tecnologia, in particolare nei campi delle scienze della vita / biotecnologie e scienze cognitive / intelligenza artificiale.

Oggi, più di 50.000 brevetti su organismi viventi, e numeri ancora più elevati nel campo dell’intelligenza artificiale, hanno trasferito poteri decisionali chiave sul futuro dallo spazio pubblico a quello privato. Ciò ha portato all’emergere di nuove divisioni sociali globali: divisioni nelle informazioni, divisioni digitali, divisioni nella sanità, divisioni nelle conoscenze, divisioni nell’istruzione, per citarne solo alcune. La salute e la conoscenza devono oggi essere riconosciute come beni pubblici globali al fine di fermare i processi che aggravano le fratture globali e le lacune tra chi ha e chi non ha, e che sono stati così nettamente evidenziati nella crisi COVID-19 in corso.

Di conseguenza, vorremmo suggerire che un passo aggiuntivo e importante per le Nazioni Unite dovrebbe essere uno sforzo deliberato per sfruttare il potenziale di innovazione, guidato dalla scienza e dalla tecnologia per promuovere con urgenza dibattiti aperti e inclusivi su questioni e politiche, utilizzando COVID-19 come una piattaforma e un trampolino di lancio in questa direzione. Rispondere al desiderio dei popoli di riguadagnare l’influenza e il controllo dei loro destini individuali, di gruppo, nazionali e comuni, è attualmente forse la principale sfida politica che i cittadini, la società civile e i governi devono affrontare a tutti i livelli. Per essere fedeli allo spirito della loro missione, le Nazioni Unite devono anche fare la loro parte per contribuire alla democratizzazione dello sviluppo delle politiche e promuovere i meccanismi di decisione politica e le istituzioni appropriate a livello globale – lo spazio pubblico aperto pertinente – per far fronte alle questioni di preoccupazione universale (costruire il “mondo res publica”).

Tenendo presente questa esigenza, riteniamo che dovrebbe essere organizzato un webinar globale delle Nazioni Unite, sotto i Suoi auspici come Segretario Generale, sul tema “Beni pubblici globali e COVID19: ricerca di soluzioni alle esigenze di salute umana e sviluppo sostenibile”. Un webinar di questo tipo fungerebbe da piattaforma su cui attori e pensatori rappresentativi interessati – sia del sud che del nord e di diversi ceti sociali, molti dei quali non sono e non possono altrimenti essere ascoltati o notati a livello globale – per esprimere le loro opinioni.

Stiamo inviando copia di questo documento ai Presidenti dell’Assemblea Generale e dell’ECOSOC, al Direttore Esecutivo dell’OMS, al Segretario Generale dell’UNCTAD, nonché ai presidenti del Gruppo dei 77 e del Movimento dei Non Allineati a New York . Siamo fermamente convinti che le iniziative che proponiamo possano dare un contributo a sostegno di un’Agenda 2030 per il recupero mondiale guidato dalla giustizia e dai diritti universali.

I dialoghi in linea iniziali delineati in questa lettera dovrebbero a loro volta contribuire allo slancio necessario per accelerare l’azione globale in questa importante direzione. In questo sforzo, Signor Segretario Generale e l’organizzazione nel suo insieme, potete contare sul sostegno incondizionato, individualmente e collettivamente, di tutti i membri di Agorà.

A nome di “Agorà”                                        

Alain Adriaens, Alain Dangoisse, Pierre Galand (Belgium)

Anibal Faccendini (Argentina)

Boaventura de Sousa Santos, Joao Caraça (Portugal)

Fatoumata Kane Ki-Zerbo (Burkina Faso)

Federico Mayor (Spain)

Ina Darmstaedter (Germany)

Jean-Pierre Wauquier (France)

Luis Infanti de la Mora (Chile)

Marcos P Arruda, Luiz Rena; Armando De Negri (Brazil)

Pierre Jasmin, Iacques Brodeur, Jean-Yves Proulx, (CND-Québec)

Puthan V. Rajagopal (India)

Riccardo Petrella, Roberto Savio (Italy)

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *