Cooperazione Internazionale e multilateralismo, Diritti Umani, diritti civili, giustizia sociale, Società Civile, Sostenibilità , economie trasformative, finanza

ECO­NO­MIA Un World So­cial Fo­rum (WSF) per l’a­zio­ne

Ott 1 2020

di ARAM AHA­RO­NIAN*

Il mon­do va vi­sto con gli oc­chi del pre­sen­te e del fu­tu­ro post-pan­de­mi­co

Due de­cen­ni fa, la mo­bi­li­ta­zio­ne di la­vo­ra­to­ri, con­ta­di­ni, stu­den­ti ri­chie­de­va la ne­ces­si­tà di un al­tro mon­do pos­si­bi­le, in pie­no con­tra­sto con il neo­li­be­ri­smo e la fi­nan­zia­riz­za­zio­ne del­l’e­co­no­mia. C’e­ra spe­ran­za, en­tu­sia­smo, mo­bi­li­ta­zio­ne.

Sta­va­mo (ri)sco­pren­do noi stes­si, guar­dan­do­ci con i no­stri stes­si oc­chi.

Emer­se­ro an­che go­ver­ni pro­gres­si­sti, pre­oc­cu­pa­ti per la gran­de mag­gio­ran­za dei loro pae­si, per la pace, il mul­ti­la­te­ra­li­smo, che – vale la pena ri­co­no­scer­lo – in­co­rag­gia­ro­no la crea­zio­ne e le qua­si cen­to riu­nio­ni di mas­sa che se­gui­ro­no il FSM (Fo­rum So­cia­le Mon­dia­le), da Por­to Ale­gre al mon­do.

Un al­tro mon­do è an­co­ra pos­si­bi­le? il so­cio­lo­go bra­si­lia­no Emir Sa­der ci chie­de[1]. La ve­ri­tà è che que­sto di oggi è già un al­tro mon­do. Non quel­lo che vo­le­va­mo, non quel­lo per il qua­le ab­bia­mo lot­ta­to, ma si­cu­ra­men­te mol­to, mol­to di­ver­so da quel­lo di ini­zio mil­len­nio. Quel mon­do non esi­ste più. Ma nem­me­no gli im­ma­gi­na­ri uni­ta­ri di quel mon­do che de­si­de­ra­va­mo esi­stes­se­ro.

Il mon­do vi­sto da­gli eu­ro­pei, che con­ti­nua­no a cer­ca­re di co­lo­niz­za­re cul­tu­ral­men­te e po­li­ti­ca­men­te i pae­si emer­gen­ti, non è lo stes­so di un ame­ri­ca­no in­di­ge­no o di­soc­cu­pa­to o di un abi­tan­te del­l’A­fri­ca sub­sa­ha­ria­na.

In as­sen­za del FSM (Fon­do So­cia­le Mon­dia­le), pur­trop­po le lot­te glo­ba­li sono sta­te scon­fit­te dal­le ONG eu­ro­pee e ame­ri­ca­ne, che sono quel­le che han­no se­gna­to (e fi­nan­zia­to) l’a­gen­da con­te­sta­ta­ria in que­sti anni, con ri­ven­di­ca­zio­ni mol­to di­stan­ti da quel­le dei mo­vi­men­ti so­cia­li (sin­da­ca­ti, con­ta­di­ni, stu­den­ti) la­ti­noa­me­ri­ca­ni, ad esem­pio.

An­che il Papa sa che le tra­sfor­ma­zio­ni sono ne­ces­sa­rie per­ché la vita sia pra­ti­ca­bi­le. Per il Va­ti­ca­no, la di­su­gua­glian­za è il frut­to di una cre­sci­ta eco­no­mi­ca in­giu­sta che igno­ra i va­lo­ri fon­da­men­ta­li. È un vi­rus che pro­vie­ne da un’e­co­no­mia ma­la­ta.

Il Va­ti­ca­no ha tra­di­zio­nal­men­te so­ste­nu­to il si­ste­ma ca­pi­ta­li­sta, e se il Papa ri­co­no­sce che non è più pos­si­bi­le con­ti­nua­re a vi­ve­re così, è per­ché il si­ste­ma, chia­ra­men­te, sta di­strug­gen­do le pos­si­bi­li­tà fu­tu­re del­l’u­ma­ni­tà.

Oggi vi­via­mo in un mon­do mol­to peg­gio­re di quel­lo di due de­cen­ni fa, nel qua­le l’1% del­la po­po­la­zio­ne mon­dia­le mo­no­po­liz­za la stes­sa quan­ti­tà di ri­sor­se e ric­chez­za del re­stan­te 99%.

Un mon­do che è di­ven­ta­to mol­to più di­su­gua­le, xe­no­fo­bo, raz­zi­sta. E que­sto mi­nac­cia di ospi­ta­re di­soc­cu­pa­zio­ne e ca­re­stia sen­za pre­ce­den­ti nel pros­si­mo fu­tu­ro post-pan­de­mi­co.

“La fi­nan­za, scol­le­ga­ta dal­l’e­co­no­mia rea­le, su­pe­ra ogni gior­no nel­le sue tran­sa­zio­ni spe­cu­la­ti­ve 40 vol­te quel­lo che il la­vo­ro uma­no pro­du­ce nel mon­do in beni e ser­vi­zi. Po­pu­li­smo, na­zio­na­li­smo e xe­no­fo­bia go­ver­na­no il 71% del­l’u­ma­ni­tà”, af­fer­ma un nuo­vo do­cu­men­to ela­bo­ra­to dai nuo­vi “rin­no­va­ti” del Con­si­glio in­ter­na­zio­na­le del FSM.

C’è una de­bo­lez­za del li­be­ra­li­smo clas­si­co, so­ste­nu­to so­prat­tut­to dal­le ONG eu­ro­pee, che il FSM ha de­nun­cia­to sin dal­la sua na­sci­ta: l’an­ti­no­mia so­cie­tà ci­vi­le-Sta­to. Con la squa­li­fi­ca del­lo Sta­to come au­to­ri­ta­rio, inef­fi­cien­te, sto­ri­ca­men­te su­pe­ra­to, in tem­pi in cui mol­ti pae­si la­ti­noa­me­ri­ca­ni era­no nel­le mani di go­ver­ni pro­gres­si­sti, che com­bat­te­va­no con­tro il neo­li­be­ri­smo e alla ri­cer­ca di una de­mo­cra­zia par­te­ci­pa­ti­va.

Par­te del­la lea­der­ship del WSF (o FSM che sia) pen­sa­va di com­pe­te­re con i go­ver­ni e cre­de­va per­si­no che le po­li­ti­che so­cia­li po­tes­se­ro es­se­re at­tua­te sen­za lo Sta­to, ma in real­tà quel­lo che sta­va­no fa­cen­do era emar­gi­na­re se stes­si (ed emar­gi­na­re mol­te per­so­ne di va­lo­re) dai pro­ces­si che i no­stri pae­si sta­va­no at­tra­ver­san­do.

 Sia­mo d’ac­cor­do con la nuo­va pro­po­sta del grup­po CI Re­no­va­dor: non ba­sta più di­scu­te­re con il ne­mi­co, il ca­pi­ta­li­smo sen­za re­go­le né con­trol­li. Inol­tre, se l’o­biet­ti­vo è uni­re le for­ze, mo­bi­li­ta­re, de­nun­cia­re e chie­de­re cam­bia­men­ti alle isti­tu­zio­ni na­zio­na­li e in­ter­na­zio­na­li, non ba­sta di­bat­te­re, ma piut­to­sto agi­re.

Sen­za usci­re dal di­bat­ti­to, dob­bia­mo agi­re. Ov­via­men­te, il ne­mi­co ha be­ne­fi­cia­to e con­ti­nua a be­ne­fi­cia­re del­la no­stra iner­zia e del­la no­stra inu­ti­le ver­bo­si­tà.

C’è chi non cre­de sia ne­ces­sa­rio di­scu­te­re di quan­to ac­ca­du­to ne­gli ul­ti­mi 20 anni. Sia­mo d’ac­cor­do sul fat­to che i par­ti­ti po­li­ti­ci – di­cia­mo pro­gres­si­sti – man­chi­no del­la ca­pa­ci­tà di ela­bo­ra­zio­ni a lun­go ter­mi­ne e vi­va­no per una po­li­ti­ca di so­lu­zio­ni am­mi­ni­stra­ti­ve a bre­ve ter­mi­ne, in cui la cor­ru­zio­ne e la ma­ni­po­la­zio­ne dei cit­ta­di­ni sono, in mol­ti casi, pra­ti­che quo­ti­dia­ne.

Ma nul­la di “un al­tro mon­do pos­si­bi­le, ne­ces­sa­rio, es­sen­zia­le” sarà pos­si­bi­le se non ve­dia­mo il mon­do con gli oc­chi di oggi, non di due de­cen­ni fa, se non as­su­mia­mo e ana­liz­zia­mo i pro­ble­mi dal pun­to di vi­sta di un nuo­vo, di­stan­te pen­sie­ro cri­ti­co dei vec­chi e ri­pe­tu­ti dog­mi, di fron­te al­l’in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le, agli al­go­rit­mi, ai big data, alla so­cie­tà del­la sor­ve­glian­za.

Ma so­prat­tut­to se non par­tia­mo dal pre­sup­po­sto che dob­bia­mo pen­sa­re a un al­tro mon­do, quel­lo post-pan­de­mi­co, dove cen­ti­na­ia di mi­lio­ni di per­so­ne ri­mar­ran­no sen­za la­vo­ro e, quin­di, sul­l’or­lo del­la po­ver­tà e del­la fame. Il pro­ble­ma prin­ci­pa­le del­l’u­ma­ni­tà sarà la de­mo­cra­tiz­za­zio­ne del­la fame e la ga­ran­zia di cibo per tut­ti.

Il FSM, nato con una gran­de for­za uni­fi­can­te, è as­sen­te da anni dai pro­ces­si di mo­bi­li­ta­zio­ne nel mon­do. Le lot­te con­tro il raz­zi­smo, con­tro la cri­si cli­ma­ti­ca e per l’u­gua­glian­za di ge­ne­re era­no e ven­go­no por­ta­te avan­ti sen­za la par­te­ci­pa­zio­ne del FSM. L’a­zio­ne del­la so­cie­tà ci­vi­le deve es­se­re in­te­sa come azio­ne po­li­ti­ca, per­ché il suo obiet­ti­vo è tra­sfor­ma­re lo sta­tus quo im­mo­ra­le.

La ve­ri­tà è che non sa­rem­mo ar­ri­va­ti alla Con­fe­ren­za sul cli­ma di Pa­ri­gi, né alle leg­gi per la di­gni­tà del­le don­ne, né al di­bat­ti­to nei go­ver­ni sul raz­zi­smo, sen­za la so­cie­tà ci­vi­le. E il WSF non c’e­ra. C’è qual­co­sa da ca­pi­re: que­sto mon­do è mol­to di­ver­so da quel­lo del 1981, quan­do fu fon­da­to il FSM. E quel­li che l’han­no fon­da­ta oggi han­no 40 anni in più.

Per cam­bia­re la real­tà non ser­vo­no solo dia­lo­ghi, ma, fon­da­men­tal­men­te, azio­ni con­cre­te. E se il WSF (FSM) non è di­spo­sto a far­lo, an­drà di­sper­so. Se la so­cie­tà ci­vi­le non può pren­de­re po­si­zio­ne sul­le gran­di que­stio­ni e far sen­ti­re la sua voce, se non di­ven­ta un at­to­re oli­sti­co e tra­sver­sa­le, rap­pre­sen­ta­ti­vo e par­te­ci­pa­ti­vo, 20 anni di sfor­zi di mi­glia­ia e mi­glia­ia di per­so­ne per un mon­do mi­glio­re sa­ran­no get­ta­ti nel vuo­to. Me­glio, come fer­ti­liz­zan­te il grup­po Re­no­va­dor del WSF.

È tem­po che la si­ni­stra e il pro­gres­si­smo fac­cia­no au­to­cri­ti­ca, come sta fa­cen­do il Con­si­glio in­ter­na­zio­na­le (IC) del Fo­rum, per ren­der­si con­to del per­ché il mo­vi­men­to è di­ven­ta­to “en­do­gan­miz­za­to” ed emar­gi­na­to. Oggi, i solo no­stal­gi­ci dei tem­pi mi­glio­ri, ri­cor­da­no il WSF: 20 anni e mol­ta ac­qua (e na­palm e gli­fo­sa­to) è pas­sa­ta nel mon­do.

È vero, in que­sto mon­do di­sto­pi­co, il WSF ha per­so mol­ti dei suoi par­te­ci­pan­ti, e al­cu­ne gran­di or­ga­niz­za­zio­ni ri­ten­go­no di non aver bi­so­gno del Fo­rum per tro­va­re la stra­da da se­gui­re, so­prat­tut­to quan­do le basi del­le or­ga­niz­za­zio­ni stes­se sono quel­le che ri­chie­do­no un’a­zio­ne.

La pan­de­mia, pur­trop­po, ha di­mo­stra­to che at­tra­ver­so fo­rum vir­tua­li è pos­si­bi­le di­bat­te­re, scam­bia­re idee e pro­po­ste, con­di­vi­de­re espe­rien­ze quo­ti­dia­na­men­te, sen­za nem­me­no bi­so­gno di un con­tat­to fi­si­co. Ma no­no­stan­te tut­to: un’a­zio­ne con­cer­ta­ta non sarà mai rag­giun­ta.

Ma la cosa peg­gio­re è che i mem­bri del Con­si­glio In­ter­na­zio­na­le cre­do­no che la Car­ta dei Prin­ci­pi del Fo­rum, il suo do­cu­men­to di go­ver­no, sia qual­co­sa di si­mi­le alla Bib­bia o al Co­ra­no. Ed è quel­lo che è suc­ces­so al­l’in­con­tro del­l’IC a Mon­treal, quan­do una per­so­na, ri­fu­gian­do­si re­li­gio­sa­men­te nel­la Car­ta, ha bloc­ca­to un ri­pu­dio col­let­ti­vo del col­po di sta­to che sta­va av­ve­nen­do in Bra­si­le, il Pae­se dove per l’ap­pun­to è sor­to il Fo­rum.

Se si è cer­ca­to di evi­ta­re di­vi­sio­ni co­strin­gen­do le ri­so­lu­zio­ni al­l’u­na­ni­mi­tà, è ba­sta­ta una sola per­so­na – sui 150 del­l’IC – per di­men­ti­ca­re che uno dei fon­da­men­ti del Fo­rum è di­fen­de­re la de­mo­cra­zia. Da lì si ca­pi­sce per­ché cir­ca 40 dei 150 mem­bri at­ti­vi del­la CI, mo­vi­men­ti so­cia­li e gran­di or­ga­niz­za­zio­ni, sono usci­ti dal fo­rum. Quan­to sa­reb­be sta­to fa­ci­le cam­bia­re l’u­na­ni­mi­tà ri­chie­sta in un quo­rum mol­to alto! (Ov­via­men­te, se lo si fos­se vo­lu­to).

Ci sono dav­ve­ro gran­di que­stio­ni in cui la co­sid­det­ta so­cie­tà ci­vi­le, il pro­gres­si­smo e la si­ni­stra non sono d’ac­cor­do? Ci­tia­mo, il cam­bia­men­to cli­ma­ti­co, il pa­triar­ca­to, il ri­fiu­to dei na­zio­na­li­smi, il raz­zi­smo e la xe­no­fo­bia, la di­fe­sa dei mi­gran­ti, le spe­se mi­li­ta­ri, la di­fe­sa dei di­rit­ti uma­ni … e, guar­dan­do avan­ti, la ne­ces­si­tà di un vac­ci­no uni­ver­sa­le e li­be­ro con­tro co­vid-19.

Ecco per­ché è in­te­res­san­te la pro­po­sta del grup­po Re­no­va­dor sul­la de­mo­cra­tiz­za­zio­ne del Con­si­glio in­ter­na­zio­na­le che in­clu­de un di­bat­ti­to sul­la sua go­ver­nan­ce e che ag­giun­ge l’in­cor­po­ra­zio­ne di gio­va­ni mi­li­tan­ti – ope­rai, con­ta­di­ni, stu­den­ti uni­ver­si­ta­ri, scien­zia­ti – dal cam­po po­po­la­re, il ri­tor­no dei mo­vi­men­ti so­cia­li – so­prat­tut­to se sono sta­ti ag­gior­na­ti in­sie­me per por­ta­re avan­ti un pro­gram­ma di azio­ne a li­vel­lo re­gio­na­le e glo­ba­le.

Solo se il Fo­rum si as­su­me la re­spon­sa­bi­li­tà di di­ve­ni­re at­to­re, e di ave­re un’i­den­ti­tà nel coor­di­na­men­to di azio­ni con­cre­te, sarà pos­si­bi­le sal­var­lo e in­se­rir­lo nel­le lot­te con­tem­po­ra­nee con­tro il neo­li­be­ri­smo, per la co­stru­zio­ne di quel mon­do pos­si­bi­le … e mol­to di­ver­so che vo­glia­mo.

* Gior­na­li­sta uru­gua­ia­no e scien­zia­to del­la co­mu­ni­ca­zio­ne. Ma­ster in in­te­gra­zio­ne. Fon­da­to­re di TE­LE­SUR. Pre­sie­de la “Foun­da­tion for La­tin Ame­ri­can In­te­gra­tion” (FILA) e di­ri­ge il “Cen­tro la­ti­noa­me­ri­ca­no per l’a­na­li­si stra­te­gi­ca” (CLAE), www.estra­te­gia.la, e SU­SRY­SURTV.


admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *