Ambiente e Clima, Cooperazione Internazionale e multilateralismo, Diritti Umani, diritti civili, giustizia sociale, Guerre e Armamenti, Informazioni & Comunicazioni, Nuove voci del giornalismo, Pace e disarmo, Politica Internazionale, Roberto Savio, Società Civile, Sostenibilità, Sunday Breakfast, Tecnologia e Robotica

The Sunday Breakfast – 5 – panoramica sui fatti globali della settimana

Nov 17 2019

a cura di Cecilia Capanna

_______________

Lettera al lettore – di Roberto Savio

Othernews da oggi presenterà ogni domenica un riassunto  degli avvenimenti e dei problemi mondiali più importanti della settimana. Othernews tradizionalmente redige in inglese e spagnolo, le due lingue più diffuse nel mondo. L’italiano è un riconoscimento al Paese che ci ospita, ed allo sforzo  per raggiungere  soprattutto i giovani!

Buona lettura, Roberto Savio e Cecilia Capanna

_______________

11-17 novembre 2019 – di Cecilia Capanna

L’UOVO DI COLOMBO

È sorprendente il paradosso per cui uno che si chiamava Cristoforo (colui che porta Cristo) Colombo (la colomba è il simbolo della pace) sia stato, a dispetto del suo nome, l’origine dell’annientamento di quelli che credeva indiani, nel momento in cui approdò nelle Americhe il 12 ottobre 1492.  Negli USA in questi giorni ci si trova tra due feste che sono state utilizzate per codificare il colonialismo: il Columbus Day e il Thanksgiving. Recentemente, la macchia della vergogna per aver sterminato intere popolazioni e per averle derubate delle loro terre, ha portato molte città e stati americani a cambiare il Columbus Day in “Giorno delle popolazioni indigene” e a svuotare il Thanksgiving dei significati originari, rendendolo un giorno di ringraziamento generico.

Chissà se Trump festeggerà ringraziando il Senato per aver bloccato l’impeachment, nonostante i sondaggi vedano sempre più americani favorevoli alla sua destituzione. Infatti, mentre le audizioni procedono, lo scoglio da superare sarebbe proprio il voto al Senato. Nel frattempo il presidente si estrania dalla procedura, che, dice, non lo interessa, ed incontra il suo “grande amico” Erdogan, ringraziandolo perché la Turchia ha aiutato molto nella lotta all’ISIS. E i curdi? 👉 Il Messaggero

Parlavamo di colonialismo, ma esiste ancora?

MATERIE PRIME E RISORSE: IL NEO DEL COLONIALISMO, O NEO-COLONIALISMO?

Investimenti da parte di paesi in forte sviluppo, ma con poche risorse, in paesi che ancora arrancano, come Cina e Russia in Africa, mettono la pulce nell’orecchio. Si tratta di aiuto o di nuovi modi di colonizzare? Vuoi per le leggi armoniche del confucianesimo, vuoi per gli effetti buoni della globalizzazione, a queste attività che impongono il modello di sviluppo di Cina e Russia, si accompagnano però anche positive cancellazioni dei debiti e scambi culturali 👉 Formiche.net

Segnaliamo l’incontro del 30 novembre a Roma con le Afriche d’Italia. “Discuteremo dell’Africa, chiedendo agli esponenti delle diaspore se il continente da cui proveniamo rappresenti il nostro avvenire” ha detto Chukwu, Presidente della FEDAI 👉 DIRE

BOLIVIA, CHI CI CAPISCE È BRAVO

A proposito di risorse, proprio di interessi per le grandi quantità di litio presenti in Bolivia si parla quando si cerca, tra le altre mille, la vera ragione delle proteste che hanno portato, nel nome della democrazia, al presunto golpe (la presidenza del Senato viene assegnata al partito contro il quale sarebbe stato consumato il golpe) ai danni dell’ex presidente Evo Morales, per altro indio e che aveva basato i suoi mandati sulla narrativa della Pacha Mama. Una situazione multisfaccettata, le cui dinamiche sono oggetto di grande dibattito. Non è facile fare un’analisi politica 👉 The Washington Post . Sicuramente aiuta fare una cronologia e consultare dati 👉 Pressenza. Ancora di più, aiuta analizzare i fatti affrontando la “colonialidad” che noi cittadini oltreoceano abbiamo nella nostra testa, come ha fatto egregiamente Francesco Martone 👉 Tra la Bibbia e la Wipala – La Bolivia al bivio

Nel frattempo la senatrice conservatrice auto-proclamatasi Presidente, Jeanine Áñez, promette nuove elezioni, sempre nel nome della democrazia 👉 El Periodico

IN CILE CI SI ACCORDA

Finalmente si vede la luce in fondo al tunnel dei violentissimi scontri nelle strade cilene, grazie alla proposta di un accordo quadro per la Concertazione da parte di tutti i partiti di opposizione a Piñera. In questo articolo di Aldo Torchiaro la copia del documento originale 👉 Il Cile verso l’Assemblea Costituente , accordo raggiunto nella giornata di venerdi, come documentato sempre da Aldo Torchiaro 👉 Raggiunto accordo storico – documento originale , anche se qualche focolaio delle proteste persiste, provocando scontri e l’ennesima vittima a Santiago.

MENTRE ALTROVE LA VIOLENZA NON SI PLACA

Gli studenti in trincea nelle università e nelle strade infiammano Hong Kong per il terzo giorno consecutivo, ISPI ne spiega le dinamiche 👉 Hong Kong, origine e sviluppo della protesta

Nella striscia di Gaza  sembrava tregua per gli attacchi incrociati tra Israele e Jihad islamico palestinese ma il cessate il fuoco è durato poco e venerdì si è ripreso a bombardare con il risultato che nella partita politica interna ad Israele Netanyahu si porta in vantaggio 👉 Il Manifesto

AMAZZONIA E AMAZON – IN NOME DEL PROGRESSO

In Amazzonia si continua a morire in nome del progresso 👉Ghigliottina.info, e ancora un paradosso vuole che Amazon sia anche il nome della più grande azienda all’avanguardia nel commercio online, che ha aperto da poco anche in Italia i suoi “stores” automatizzati. Quali sono le condizioni lavorative degli impiegati “umani” della più grande Internet Company al mondo? Ilaria De Bonis è andata a Piacenza ed è tornata con uno scioccante reportage 👉 Piacenza, lavoro Amazon Style

INTERNET ADDICTED

Comprare online, prenotare ristoranti o visite mediche, comunicare con Whatsapp, stare sui social, ormai non possiamo più fare a meno di Internet, il cui arrivo ha provocato una vera e propria rivoluzione antropologica. Di sicuro uno strumento utilissimo ma da regolamentare, soprattutto per quanto riguarda la digitalizzazione dei media. Roberto Savio acutamente analizza 👉 pericoli e domande dell’Era di Zuckerberg

Dal vivaio di giornalisti globalisti di Othernews, la voce millennial di Marlene Simonini delinea il problema dal suo punto di vista 👉 La digitalizzazione si insinua tra le generazioni

INTERNET E LIBERTÀ

Fake news e manipolazione della realtà versus fughe di verità nascoste, libertà di espressione e di informazione. È così che Julian Assange, l’autore di WikiLeaks, incriminato per aver diffuso segreti compromettenti del governo USA, sconta pene esemplari per tutti coloro che volessero mai riprovare a fare una cosa simile. Le sue condizioni sono purtroppo non buone 👉 Assange in tribunale

CLIMA –  VENEZIA, ULTIMA CHIAMATA

In Italia questa settimana abbiamo toccato con mano le rovinose conseguenze dei cambiamenti climatici. I violenti nubifragi e le conseguenti inondazioni, ormai da anni ricorrenti e sempre più preoccupanti, sono culminati con l’inondazione di Matera e l’acqua altissima a Venezia 👉 Othernews, con relative polemiche su MOSE e misure da prendere con urgenza. Senza un’adeguata percezione dei rischi che corre il nostro stivale, infatti, si prevedono conseguenze sempre più gravi 👉 ASVIS.it. Segnaliamo il Convegno del 21 novembre per parlare di Green New Deal 👉 Per una transizione equa e giusta

Othernews ringrazia per l’attenzione. Buona domenica, alla prossima settimana!

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *