Cooperazione Internazionale e multilateralismo, COVID-19, Diritti Umani, diritti civili, giustizia sociale, Politica Internazionale, Roberto Savio, Società Civile

G20, milioni di nuovi poveri sono in arrivo – A chi frega?

Nov 25 2020

I nuovi poveri non interessano a nessuno. Il recente incontro del G20 – previsto a Riyadh ma tenuto virtualmente a causa della pandemia di coronavirus – è stato un esempio eloquente di come il mondo stia andando alla deriva, in una crisi di leadership.

Il G20 appena conclusosi è stato, in un certo senso, una vetrina. Tutti dovevano accettare il fatto che l’ospite dell’incontro, il malato re Salman dell’Arabia Saudita, fosse accompagnato davanti allo schermo da quello che sarà apparentemente il suo erede, il principe Mohamed bin Salman, il quale è chiaramente la mente del brutale assassinio, smembramento e scomparsa del corpo del giornalista dissidente saudita Jamal Khashoggi.

Mohamed bin Salman se la è cavata, anche per il supporto di Donald Trump che, nel suo intervento video ha detto, tra le altre perle, che nessuno nella storia degli Stati Uniti ha fatto tanto quanto lui per l’ambiente (come quando diceva che nessuno dai tempi di Abraham Lincoln aveva fatto tanto quanto aveva fatto lui per i neri americani). Successivamente, Trump se ne è prontamente andato al suo campo da golf e ha ignorato il dibattito.

Raison d’état, realpolitik, vincoli diplomatici hanno sempre fatto parte della storia. Il fatto che il G20 fosse virtuale può in parte nascondere un fatto: che i politici ormai accettano le dichiarazioni più assurde senza battere ciglio perché tutto è diventato accettabile e legittimo.

In Arabia Saudita, il principe bin Salman è molto popolare come negli Stati Uniti chi vive nel mondo parallelo di Trumpland segue Trump ciecamente.
Biden avrà una vita molto difficile. Almeno un terzo degli americani crede che una frode massiccia abbia privato il loro idolo della presidenza. I trumpiani hanno una Corte Suprema piena dei loro candidati. E a meno che i Democratici non vincano i due seggi per il Senato in Georgia il 5 gennaio, esso rimarrà nelle mani di Mitch McConnell, che bloccherà ogni singolo progetto di Biden che necessiti dell’approvazione del Senato. A questo si aggiunga una campagna elettorale permanente di Trump nei prossimi quattro anni, probabilmente attraverso il suo canale televisivo, ed è difficile prevedere che il vicepresidente di Biden, una donna nera, nel 2024 ripeterà la sua impresa.

Mi scuso per questo diversivo. Il vero obiettivo di questo articolo è mostrare la straordinaria mancanza di responsabilità dei leader che si sono incontrati virtualmente, e che, oltre a fare dichiarazioni totalmente rituali sulla pandemia e sui cambiamenti climatici, di fronte al problema dell’impatto del Covid-19 sui poveri il mondo, hanno semplicemente deciso di prorogare per un altro anno la moratoria sugli interessi del debito estero dei paesi più poveri. Si tratta di un debito che, in molti casi, è stato ampiamente saldato con il pagamento di interessi cumulativi.

Ora, è certamente difficile credere che i leader di Francia, Germania, Italia, Giappone, Russia, Regno Unito, India, Cina e Canada, e il presidente del Consiglio europeo e il presidente dell’Unione europea – lasciando da parte gli Stati Uniti, ignorino i dati di impatto sull’aumento della povertà forniti da tutte le organizzazioni internazionali.

La creazione del G7 e del G20 è stata il tentativo più visibile delle grandi potenze di rimpiazzare dibattiti e decisioni sostanziali delle Nazioni Unite. Non è stato certo per mancanza di informazioni che hanno ignorato l’appello del Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Gutierres, che ha implorato di agire nel suo intervento contro il dramma in atto dei poveri di tutto il mondo, che sta annullando ogni progresso raggiunto negli ultimi vent’anni.

I dati che il G20 ha ignorato convergono tutti su due conclusioni: l’impatto del virus Covid-19 è più forte del previsto e determinerà uno squilibrio sociale globale che avrà conseguenze durature su diversi milioni di persone – infatti, circa 300 milioni di persone.
Questo si aggiunge a una situazione già disastrosa. Secondo la Banca mondiale, 720 milioni di persone vivranno in condizioni di estrema povertà (meno di 1,90 dollari al giorno). Di questi, 114 milioni sono il risultato diretto del Covid-19: il 9,4% della popolazione mondiale. Secondo il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, più di 265 milioni stanno già morendo di fame e molti altri moriranno. E secondo l’Organizzazione internazionale del lavoro, 200 milioni di persone perderanno il lavoro.
Non dimentichiamo che metà della popolazione mondiale – 3,2 miliardi di persone – vive con meno di 5,50 dollari al giorno.

Queste persone sono nel Sud del mondo, così come anche nei paesi ricchi, che ormai sono vicini alle condizioni dei paesi poveri. L’entità di questa condizione è molto maggiore di quanto si pensi normalmente. Negli Stati Uniti, secondo l’US Census Bureau, l’11,1% della popolazione (49 milioni di persone) può essere classificata come povera; ma il Covid-19 aggiungerà probabilmente altri 8 milioni di persone. L’incredibile cifra di 16,1 milioni di bambini vive in condizioni di precarietà alimentare, mentre oltre 47 milioni di cittadini dipendono dalle banche alimentari. Il National Center on Family Homelessness stima che nel 2013, 2,5 milioni di bambini statunitensi hanno sperimentato una qualche forma di senzatetto. Infine, la rivista US Health Affairs afferma che nel 2016 gli Stati Uniti hanno avuto il più alto tasso di mortalità infantile nei 20 paesi appartenenti all’OCSE, mentre secondo l’US Census Bureau, l’aspettativa di vita si è ridotta di tre anni.


In Europa, grazie a una cultura del welfare (assente negli USA), le cose stanno andando un po ‘meglio. Eurostat stima che nel 2017 11,8 milioni di persone vivevano in una famiglia “a rischio di povertà o esclusione sociale”. E Save the Children stima che il 28% dei minori di 18 anni sia a rischio di povertà ed esclusione sociale. Non disponiamo di stime dell’impatto del Covid-19 in Europa, ma l’Unione Europea stima che la povertà potrebbe aumentare del 47% se la pandemia durerà fino alla prossima estate. Ciò esclude l’impatto della terza ondata prevista per l’inverno del 2021. Caritas Italia stima che alla fine dell’anno ci sarà almeno un milione di bambini poveri in più.

I leader del G20 non possono ignorare che ad aprile l’UNCTAD ha lanciato un’allerta: dobbiamo trovare almeno 2,5 miliardi di dollari per attenuare la crisi sociale in arrivo. Non possono ignorare che l’ILO ha affermato che nei paesi più poveri del mondo, come Haiti, Etiopia o Malawi, il reddito medio dei lavoratori informali è diminuito dell’82%. Non possono ignorare le conseguenze politiche di questa crisi sociale e come il Covid-19 stia frenando l’economia mondiale.

Ma i poveri, per molte ragioni, non sono una priorità nelle scelte politiche. Basti notare che nel brillante e senza precedenti Piano di ripresa per l’Europa dell’UE non ci sono disposizioni speciali per i poveri. Fanno parte della popolazione generale e di coloro che hanno sofferto a causa del Covid-19: persone che lavorano nel settore del turismo, nei ristoranti, nei bar, nei negozi e così via. Eppure, abbiamo tutti i dati per sapere che soffrono di problemi specifici, problemi diversi da quelli di chi ha perso il lavoro. La povertà strutturale è una gabbia che non lascia uscire chi ci sta dentro. Non abbiamo spazio qui per analizzare perché la povertà necessita di un’azione specifica. Ci sono tonnellate di studi sull’argomento, sulle relazioni tra povertà e istruzione, povertà e democrazia, povertà e movimenti sociali, e l’elenco potrebbe continuare.

Le soluzioni per evitare nuovi poveri ci sarebbero

Quello che vogliamo sottolineare è che ci sarebbero molte soluzioni se ci fosse solo la volontà politica. Ad esempio, Oxfam stima che solo un aumento dello 0,5% in dieci anni sulle tasse pagate dall’1% dei più ricchi (un aumento trascurabile) sarebbe sufficiente per creare 117 milioni di posti di lavoro in settori strategici come la salute, l’istruzione e l’assistenza agli anziani . Il rimpatrio del 10% del capitale nascosto nei paradisi fiscali otterrebbe lo stesso risultato.

Ma abbiamo seguito il mantra di Ronald Reagan secondo cui i poveri portano povertà e i ricchi portano ricchezza, quindi i ricchi dovrebbero essere lasciati a creare ricchezza. Può sembrare uno scherzo, ma l’OCSE indica che la tassazione media sulle società è scesa dal 28% nel 2000 al 20,6% nel 2020. Ciò è avvenuto nonostante l’aumento della ricchezza delle grandi imprese, che è stato accompagnato da un notevole calo della classe media, per non parlare dei lavoratori e del proliferare di lavori precari e informali.

Secondo l’Institute for Policy Studies con sede a Washington, tra il 18 marzo e il 4 giugno, la ricchezza degli americani più ricchi è aumentata del 19,1%, una cifra monumentale di 565 milioni di dollari. Ora, gli americani più ricchi possiedono 3,5 miliardi di dollari. Solo il 10% di questo sarebbe sufficiente per salvare i 46,2 milioni di concittadini che chiedono sussidi di disoccupazione. Un’altra soluzione sarebbe ridurre i sussidi all’industria fossile, che l’International Institute for Renewable Energy stima sia di 3,1 trilioni di dollari – 19 volte la cifra per le rinnovabili – nonostante l’imminente tragedia climatica.

Lo stesso squilibrio sta accadendo con la pandemia. È chiaro che fino a quando la vaccinazione non diventerà universale, il Covid-19 è qui per restare. Non riconosce confini e i problemi globali non possono avere una raccolta assortita di risposte locali. Eppure, ad oggi, le aziende farmaceutiche hanno ricevuto 13,1 miliardi di dollari per sviluppare un vaccino: un affare fantastico, perché ora guadagneranno più soldi sul mercato, i cui costi sono già stati pagati dai governi. Una discussione centrale sarebbe se i mercati debbano trarre profitto da beni comuni come l’acqua, l’aria e gli esseri umani, ma non abbiamo spazio per questo dibattito.

A parte questo, la situazione oggi è che, sempre secondo Oxfam, i paesi ricchi hanno il 13,5% della popolazione mondiale, eppure hanno acquistato in anticipo il 51% delle dosi che le case farmaceutiche produrranno – nel 2021 l’86,5% del mondo dovrà accontentarsi del restante 49%. È stato costituito un consorzio di imprese pubbliche e private, COVAX, per affrontare il problema delle parti più fragili della popolazione mondiale. Sono coinvolti oltre 185 paesi, ma sono ancora molto lontani dal raccogliere i fondi necessari.

Qual è la lezione che possiamo trarre da questa analisi incompleta? Che siamo lontani dall’avere una classe politica in grado di affrontare le questioni globali. Al contrario, il nazionalismo e la xenofobia stanno tornando. L’atteggiamento dei leader nazionalisti nei confronti del Covid-19 è stato simile a quello per la minaccia del cambiamento climatico: è un’idea di sinistra dei globalisti. Quindi, indossare una mascherina è diventata una dichiarazione politica. Trump ha perso la rielezione in larga misura a causa del suo atteggiamento nei confronti del virus.

Possiamo solo avere una vaga speranza che questa lezione avrà un certo impatto. Quando si parla di poveri, i termini giustizia sociale e solidarietà sono fuori moda, ma stiamo creando squilibri e tensioni che probabilmente pagheremo a caro prezzo. La rivoluzione francese non è stata fatta da un partito politico, acquistato da un terzo Stato impoverito,ma dai poveri, che si sono ribellati alla nobiltà e al clero. Questa è una lezione che l’1% più ricco farebbe bene a non dimenticare.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *