Società Civile, Sunday Breakfast

The Sunday Breakfast – 62 – panoramica sui fatti globali della settimana

Dic 20 2020

a cura di Cecilia Capanna

Sostieni OTHERNEWS con una piccola donazione

_______________

di Gianfranco Maselli – 14– 20 dicembre 2020

I fatti globali di questa settimana ci ricordano quanto differenti possano essere i leader alla guida del nostro mondo. È un primitivo baratto che non conosce alcuna sensibilità, ad esempio, quello che regola i rapporti fra Donald Trump e il Marocco. È invece la consapevolezza dei propri errori a convincere, da una parte, il ministro degli interni albanese a dimettersi e, dall’altra, i maduristi Venezuelani a trattenere la loro gioia dopo la vittoria elettorale. È il coraggio di cambiare le cose che guida i passi argentini. E non solo i loro.

IL BARATTO FRA DONALD TRUMP E IL MAROCCO

È agli sgoccioli del suo mandato ma non smette di far parlare di sé. Donald Trump si aggiudica l’ennesimo paragrafo della nostra rassegna a causa di un post su Twitter in cui comunica la normalizzazione dei rapporti diplomatici tra Marocco e Israele, annunciando di conseguenza che il Marocco si appresta a diventare il quarto paese arabo a riconoscere Israele dopo Emirati Arabi Uniti, Bahrein e Sudan. Per convincere il governo marocchino, Trump ha dovuto metter su un vero e proprio baratto, un do ut des che prevede come merce di scambio il popolo Saharawi e le sue battaglie. Di quale baratto si tratta? Cosa ha promesso Trump? Che destino attende il Fronte Polisario? Cerchiamo di rispondere a queste domande con Alice Minati. 👇

LE RABBIA ALBANESE PER LA MORTE DI KLODIAN RASHA

È stata la consapevolezza dei propri errori a convincere il ministro degli interni albanese Sander Lleshaj a dimettersi, un gesto forte che tuttavia non sembra aver placato minimamente le proteste nel paese per la morte del Klodian Rasha. Per un’intera settimana centinaia di albanesi, fra cui soprattutto moltissimi minori, sono scesi in strada per manifestare talvolta anche molto violentemente. Ora, dopo il ministro Lleshaj, la piazza chiede a gran voce anche le dimissioni del capo della Polizia di Stato Ardi Veliu. Cosa sta succedendo? Chi è il giovane Klodian Rasha la cui morte ha portato il popolo albanese a manifestare così ferocemente? Chi è il responsabile di quanto è accaduto? Facciamo il punto sull’intera situazione insieme a Rosarianna Romano. 👇

IL CORAGGIO ARGENTINO

Dopo decenni di tentativi, questa settimana l’Argentina è riuscita a muovere un passo importantissimo e atteso da tempo. Il paese si avvia verso la legalizzazione dell’aborto, varando un disegno di legge che consentirebbe alle donne di abortire in modo volontario fino alla quattordicesima settimana. Ovviamente le voci a supporto di questa svolta storica non sono le uniche del coro. Parallelamente a queste, che tingono di verde le piazze con le loro bandane e mascherine, c’è l’azzurro delle voci antiabortiste. Cerchiamo di capire cosa sta accadendo in Argentina Naomi di Roberto. 👇

L’ORIZZONTE VENEZUELANO DOPO LE ELEZIONI

Concludiamo la nostra rassegna parlando di Maduro, un presidente che sembra quasi aver festeggiato a metà dopo l’esito delle elezioni parlamentari venezuelane. Che sia consapevole di aver commesso dei pasticci amministrativi? La vittoria è stata netta nonostante gli ostacoli economici e le sanzioni statunitensi degli ultimi tempi, ma per i Maduristi è impossibile ignorare la disaffezione dei propri elettori e la bassissima affluenza alle urne. Come spiegare al meglio questi due aspetti? Come sono andate davvero le elezioni venezuelane? Che destino attende un governo che per alcuni è addirittura una dittatura? Cerchiamo di analizzare nei minimi dettagli il passato, il presente e il futuro del paese guidati dal nostro Presidente Roberto Savio. 👇

CAMBIARE!

Lo abbiamo detto tante volte, il modello economico neo-liberale non funziona. La pandemia ce lo ha mostrato con la violenza di uno schiaffo in piena faccia. Glauco Benigni ipotizza il nuovo modello di sviluppo che potrebbe salvare la disastrosa situazione mondiale: Un nuovo modello di sviluppo? Magari fosse semplice.

Allo stesso tempo Riccardo Petrella auspica una nuova storia di liberazione, in cui le persone, in tutto il mondo e in egual misura, si riprendono i Diritti Universali e i Beni Comuni 👇

Ci uniamo a loro augurando al mondo un decisivo cambiamento e a tutti voi Buone Feste. Grazie dell’attenzione, buona domenica, alla prossima settimana.

👉Sostieni Othernews con una piccola donazione👈

Leggi anche The Sunday Breakfast – 61 – panoramica sui fatti globali della settimana

admin

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *